video
04:29

Continua fino a domenica 8 maggio l’expo genovese di Euroflora 2022, grande finestra sul panorama floreale che sta vedendo la produzione ligure al centro della manifestazione, con ben 50 premi a sottolinearne la bellezza e la qualità.

Ne parliamo con Alessandro Lanteri, direttore del Distretto Florovivaistico del Ponente: “Con Regione Liguria e al Sistema Camerale abbiamo creato una grande esposizione all’ingresso dell’expo con piante in vaso provenienti dalla produzione albenganese, abbiamo curato un esposizione con i fiori recisi galleria moderna con composizioni realizzate dai fioristi di Floral Italian Style, una serra dedicata al basilico ed una cappelletta ornata di orchidee”.

“Sono tante le persone da ringraziare per questo risultato, a partire ovviamente dai produttori; Euroflora arriva in realtà a fine stagione per quel che riguarda il fiore reciso, ma con l’impegno di tutti siamo riusciti a mettere la proverbiale ciliegina sulla torta”.

Ci spostiamo nel deposito del Mercato dei Fiori di Sanremo dove il direttore Franco Barbagelata ci mostra che tutto è pronto per partire: “Domattina parte la squadra di operai con tutto ciò che occorre per rifare le composizioni tali e quali al primo giorno; i molti premi ricevuti per il fiore reciso sono un punto d’onore per noi di Sanremo”.

Sabina Di Mattia è una floreal designer che si è occupata delle creazioni alla Galleria Moderna: “Abbiamo pensato ad opere attinenti alle opere d’arte presenti nel museo; la novità di quest’anno è l’utilizzo delle piante grasse come fiore reciso nella costruzione delle composizioni”.

“Euroflora chiude la nostra stagione produttiva con qualche luce e qualche ombra – conclude Lanteri – luce nella tenuta del mercato con ottimi prezzi e ombra dovuta alla chiusura dei mercati dell’est Europa e all’aumento fattori di produzione. Archiviamo la stagione con un certo ottimismo e dopo Euroflora siamo subito pronti a passare a Villa Ormond in fiore, rimarcando l’attenzione e l’importanza di questo settore per il nostro territorio”.