INT_Giorgio Giuffra 220519

È stato ospite nei nostri studi per la rubrica “L’intervista” Giorgio Giuffra, sindaco uscente di Riva Ligure e ora candidato per un secondo mandato.

Alle ormai imminenti amministrative il primo cittadino correrà da solo: la sua lista è infatti l’unica presente. Un fattore di novità nel Comune di Riva Ligure, che, come sottolineato da Giuffra, ha sempre visto un fiorire di molte proposte: “L’ho preso come un segno del destino, che avesse deciso di riporre nuovamente la fiducia su di noi, il fatto che la minoranza non abbia trovato adesioni al suo progetto e il fatto che la maggioranza dei cittadini ci sostenga. Siamo in democrazia, noi abbiamo fatto una proposta seria volta a migliorare sempre di più Riva Ligure”.

Essendo l’unico candidato, la sfida della campagna elettorale è quella di incentivare le persone ad andare a votare per raggiungere il quorum del 50% degli aventi diritto più uno: “Non abbiamo sfidanti, i nostri sfidanti siamo noi stessi e dobbiamo convincerci noi in prima persona del bene che abbiamo fatto a Riva Ligure. È necessario anche convincere gli elettori ad andare a votare perché questa volta il loro voto vale realmente di più”.

La squadra che accompagna il primo cittadino è parzialmente rinnovata, con alcuni assessori e consiglieri uscenti insieme ad alcuni volti nuovi, che andranno a miscelare l’esperienza con l’entusiasmo della novità.

Diverse sono le priorità e i progetti da mandare avanti dopo le elezioni: “Nei prossimi cinque anni voglio insistere in particolare sulla cura del dettaglio e del territorio. In questi anni abbiamo appaltato molti cantieri importanti, con tanti finanziamenti. Dobbiamo imparare a guardare il dettaglio, essere più presenti nella manutenzione quotidiana, vogliamo entrare nelle case della gente facendo vedere che la programmazione di Riva Ligure è anche nel dettaglio di tutti i giorni. Delle volte la buca fastidiosa si nota di più di un’opera mastodontica. Cammineremo su questa linea portando avanti anche i progetti importanti”.