francia frontiera

Anche se i dati continuano nel loro trend positivo con un numero sempre minore di casi conclamati ed un ritorno alla normalità sempre più diffuso, in tutta la Francia da oggi diventa obbligatorio il green pass anche per gli adolescenti dai 12 ai 17 anni. Per gli adulti questa situazione è in vigore da ormai un paio di mesi.

Il documento che i nostri vicini chiamano ‘pass sanitaire’ viene richiesto per andare al ristorante, al cinema, in piscina o per prendere un treno per un lungo tragitto, e lo sarà per diversi mesi ancora. Una prima scadenza già fissata dal Governo indica come data di scadenza il 15 novembre ma è risaputo che è pronto un progetto di legge che lo potrebbe prolungare sino all’estate 2022.

A causa del ritardato avvio della campagna vaccinale nei confronti degli adolescenti, due terzi dei quali avrebbero comunque già completato il ciclo, il Governo prevede test Pcr gratuiti per loro anche dopo il 15 ottobre data di fine test gratuiti per gli adulti.

Intanto, da lunedì 4 ottobre in 47 dipartimenti francesi verrà tolto l’obbligo di indossare la mascherina ai bambini delle scuole elementari, norma in vigore dall’inizio dell’anno scolastico transalpino.

Per ottenere l’eliminazione di questa forma di protezione dal contagio, è indispensabile che il tasso d’incidenza sia inferiore a 50 per 100mila abitanti, un livello che non è stato ancora raggiunto nelle Alpi Marittime che nonostante il calo lento ma costante dei casi, sono scese a 89 secondo i dati ufficiali di Sanità Pubblica francese.

Articolo precedenteIntervista al candidato consigliere di ‘Vivere Diano’ Luca Spandre: “Turismo e associazionismo i primi focus”
Articolo successivoCovid: 74 nuovi positivi in Liguria, un decesso all’ospedale di Sanremo