Domenica 13 settembre si è svolta l’Assemblea dell’Azione Cattolica diocesana, un appuntamento rimandato più volte data l’emergenza Covid-19 e tanto atteso dalla comunità ecclesiale.

“L’Assemblea è il momento piĂą importante della vita associativa, perchĂ© in questa occasione si riassume un po’ lo stile di Ac: ci si ritrova tutti assieme e si decide e si inizia il percorso tutti assieme (sinodalitĂ ), lo si fa intorno ai propri pastori ed al proprio Vescovo (ecclesialitĂ ), e lo stile scelto nel prendere le decisioni è quello del confronto civile e democratico, che chiarisce la nostra consapevolezza nell’importanza delle regole e dei ruoli – scrivono gli organizzatori. Un momento così importante ha ovviamente risentito un po’ delle misure sanitarie necessarie per prevenire il rischio contagio: numero limitato di partecipanti, mascherine, distanziamento, igienizzazione delle mani nelle procedure di voto, impossibilitĂ  del contatto fisico. Ognuno di questiaspetti, insieme ad un tempo in cui tutti noi siamo concentrati sul nuovo anno e sulle incertezze che questo comporta, hanno permesso a questa Assemblea diocesana di essere un terreno nuovo nel quale finalmente incontrarsi.

A renderlo fertile sono stati gli sguardi gioiosi di chi non vedeva l’ora di incontrare di nuovo gli sguardi dei compagni di viaggio e di progettare un nuovo inizio. Dopo le votazioni, l’Assemblea si è aperta con un momento di preghiera e l’ascolto del video messaggio del Vescovo Suetta. Dopo i saluti della Delegazione Regionale e del Centro Naziona le, ci sono state poi la discussione del Documento Assembleare e la relazione del Presidente diocesano uscente Laura Ferrari, che ha riassunto le iniziative realizzate nel triennio, i progetti in gioco ed anche le debolezze dell’associazione diocesana, i punti sui quali si dovrà lavorare.

Il tutto, nelle sue parole, sempre con lo stile che caratterizza il magistero di Papa Francesco, quello che invita i discepoli missionari a vivere il Vangelo, nella quotidianitĂ , presentandolo con i suoi segni distintivi: il sorriso, la carezza, l’accoglienza e la voglia di camminare assieme.Al termine dell’Assemblea sono stati proclamati gli eletti: per il Settore Adulti, Laura Ferrari, Pamela Manfrin, Valeria Ammirati e Lorenzo Moraldo; per il Settore Giovani, Simona Cassini, Arianna Faraldi, Giorgia Bartolotta, Andrea Orefice; per l’Acr, Carlotta Londri, Annalisa Gardani, Giulio Modena e Erja Frisiani Parisetti. A loro va il nostro miglior ‘in bocca al lupo’!”.

Articolo precedenteRitorno in aula tra speranze e preoccupazioni: “Un computer non può dare quanto un professore”
Articolo successivoFirma del contratto per la gestione privata dell’ospedale di Bordighera, il consigliere Trucchi: “Chiediamo di conoscere il testo il prima possibile”