Andrea Tafaria

“I dati di Unioncamere relativi a tutto l’anno 2020 fanno segnare la ‘scomparsa’ tra scioglimenti e liquidazioni di 220 imprese di costruzioni in Liguria”, spiega in una nota Andrea Tafaria, segretario generale della Filca Cisl Liguria.

“È un aspetto che deve sicuramente far riflettere, senza dubbio anche il settore dell’edilizia ha subito i contraccolpi della pandemia ma auspichiamo che il 2021 significhi davvero la ripartenza. Gli edili liguri possono dare un contributo importante anche negli interventi al dissesto idrogeologico e nel progetto di riqualificazione urbana che riguarda molti comuni della nostra regione. Inoltre a Genova la Diga Foranea può rappresentare un’occasione: abbiamo calcolato che darebbe lavoro almeno a 1000 edili per ogni anno di lavori. C’è la necessità davvero di aiutare a rilanciare il nostro comparto. In ogni angolo della Liguria ci sono opportunità: il raddoppio ferroviario del Ponente e i lavori al porto di Sanremo occasioni importanti per dare occupazione. E lavoriamo affinché le professionalità e competenze degli edili della Liguria siano valorizzate con nuove opportunità di lavoro”, conclude Tafaria.

Articolo precedenteA Sanremo la promessa del salto con l’asta Matteo Olivieri
Articolo successivoCovid, sei nuovi positivi nelle scuole della provincia di Imperia nelle ultime 24 ore