Cominceranno domani, sabato 5 gennaio gli attesi saldi invernali. Gli sconti dureranno fino a metà febbraio e secondo l’indagine a livello nazionale di Confesercenti, saranno circa 280mila le attività che vi aderiranno.

I saldi si confermano ancora una volta un momento di promozione commerciale in grado di aiutare le imprese del nostro territorio a sostenere i propri fatturati.

La data è comune alla Liguria e a tutte le altre regioni d’Italia ad eccezione di Basilicata, Sicilia e Valle d’Aosta, dove le vendite promozionali sono già partite.

“Quest’anno ci aspettiamo una tendenza in linea con gli scorsi anni. Il pessimismo è scemato e c’è buona possibilità di fare grandi affari sia per i commercianti che per i clienti, sempre nel rispetto delle regole generali dei saldi”, commenta Claudio Roggero, Direttore provinciale della Confcommercio di Imperia.

Come tutti gli anni non mancano le polemiche sui possibili falsi sconti applicati e per evitare brutte sorprese si invita sempre ad affidarsi ai commercianti di fiducia per trovare prodotti di qualità e assistenza che difficilmente si trova nell’e-commerce.

“I saldi sono un’occasione di vendita di fine stagione e deve essere sviluppata in maniera corretta. Invitiamo i consumatori a rivolgersi agli operatori tradizionali perché lì possono trovare una consulenza, un consiglio, una vendita e fare veramente gli affari non solo legati al prezzo ma anche alla qualità dei prodotti”, spiega il Direttore.

Dai dati emersi dalle indagini statistiche saranno 4 su 5 gli italiani che acquisteranno, con una media di 130 euro pro capite.

Un’ulteriore polemica è quella legata ai saldi anticipati, che secondo alcuni, sarebbero troppo vicini alle festività: “C’è stata una rincorsa a mettere quasi in concorrenza i vari territori d’Italia e questo non è lo spirito giusto. L’occasione si può avere a fine stagione e dire che al 5 gennaio siamo alla fine, effettivamente è un po’ anticipato. Probabilmente va fatta una riflessione con un coordinamento a livello nazionale. La concorrenza tra vari enti regionali non è il modo migliore per sviluppare il commercio”, sostiene Roggero.

Dopo il periodo natalizio andato discretamente, si prevede una buona partenza per la stagione dei saldi.

L’intervista al Direttore provinciale della Confcommercio di Imperia, Claudio Roggero.