video

Ufficialmente finite le festività natalizie, l’Italia rientra da oggi in zona gialla rafforzata. Rimangono vietati gli spostamenti tra regioni tranne che per gli ormai noti motivi di: lavoro, salute, necessità o rientro alla propria abitazione. Rimane in vigore anche il coprifuoco nella fascia notturna dalle 22 alle 5.

Riaprono invece bar e ristoranti fino alle 18, con l’asporto consentito fino alle 22. Su le serrande per i negozi e rientro in classe alle materne, elementari e medie.

Il tutto durerà per le giornate di oggi, giovedì 7 e domani venerdì 8 gennaio. Sabato 9 e domenica 10 l’Italia sarà infatti nuovamente arancione e conseguentemente servirà l’autocertificazione per gli spostamenti che saranno consentiti dai comuni con meno di 5 mila abitanti e per una distanza non superiore ai 30 km, capoluoghi di provincia esclusi, bar e ristoranti saranno di nuovo chiusi.

L’11 si tornerà in zona gialla rafforzata quindi con le restrizioni sopraelencate fino al 15 del mese. Domani sono però attesi i dati di monitoraggio sul covid-19 dell’Istituto Superiore di Sanità. In base a questi non è da escludere che alcune regioni vengano collocate in zone di colore con restrizioni più stringenti.

Articolo precedenteDisposizioni covid-19, Fipe: “Troppe incertezze e impossibilità di pianificare il lavoro, molti pubblici esercizi restano chiusi. Intanto i locali da ballo sono nel dimenticatoio”
Articolo successivoVallecrosia: Perri attacca sul mancato spostamento della sala consigliare: “Unico comune in Italia a non averne una degna di questo nome”