video

Dopodomani, venerdì 15 ottobre, scatta l’obbligo del green pass per tutti i lavoratori del settore pubblico e del privato. Anche la provincia di Imperia, come nel resto d’Italia, sta registrando in queste ore un boom di prenotazioni per i tamponi rapidi che, per garantire l’accesso al luogo di lavoro, dovranno essere effettuati ogni 48h.

Le farmacie sono pronte per far fronte a tutte queste richieste? “Bella domanda – risponde Elvio Barla, presidente di Federfarma Imperia. – Purtroppo dal 15 ci sarà quest’obbligo, le farmacie che potevano senz’altro si sono attrezzate, stanno cercando di fare tutto quello che è possibile fare. Certo che le richieste sono talmente tante che non tutti i lavoratori potranno avere il loro green pass”.

C’è chi, in questi giorni, sta lanciando l’allarme per cercare di risolvere il problema: la differenza tra il gran numero di lavoratori che avranno bisogno di tamponi a giorni alterni, da una parte, e la capacità delle farmacie di effettuare e processare quei test, dall’altra.

“Sì, questa purtroppo è una realtà – dichiara Barla – ma d’altra parte se in Italia si fanno circa 300/320mila tamponi al giorno e se i lavoratori sono 3 milioni, è chiaro che le farmacie non sono in grado di sobbarcarsi questa mole di lavoro. Purtroppo ci troviamo in questa situazione. Stiamo ricevendo telefonate a spron battuto, purtroppo ci tocca dire siamo saturi, non riusciamo a soddisfare la vostra richiesta”.

Nel frattempo è salito a 33 il numero delle farmacie della provincia di Imperia che effettua tamponi per ottenere il green pass. Aumenteranno ancora prossimamente? “Questo non glielo so dire, perché è un discorso soprattutto organizzativo interno, quindi ci sono degli obblighi e delle necessità per poter eseguire i tamponi e questo implica delle difficoltà. Noi utilizziamo un infermiere, in altri casi il farmacista fa direttamente il tampone. Noi abbiamo scelto questa strada per aiutare il più possibile i cittadini.

Al momento abbiamo prenotazioni per tutto il mese e per buona metà del mese di novembre. Qualche buco c’è ancora, ma nelle date finali di novembre” conclude.

Articolo precedenteAlla Federazione Operaia Sanremese la presentazione del ‘Codice Giribaldi’
Articolo successivoFesta di San Romolo a Sanremo, l’assessore regionale Berrino: “Un momento di storia e tradizione importante per la nostra città”