Non è una gara, niente competizioni, classifiche o premiazioni, solo la voglia di vivere un’avventura estrema divertendosi insieme. È questo lo spirito de “La Diagonale”, la staffetta condotta da 11 corridori amatoriali e partita da Parigi lo scorso 24 agosto, sotto la Tour Eiffel.

Nata da un’idea di Armando Cosentino, questa è la seconda edizione e giungerà al termine domani, con l’arrivo dei corridori a Roma, sotto il Colosseo.

Sta continuando incessantemente la corsa dei runners che recentemente, passo dopo passo, hanno attraversato anche le città della Riviera dei Fiori, facendo tappa a Sanremo.

Dopo aver percorso tutta la Liguria passando per Savona, Genova, e le 5 terre, questa notte l’arrivo sotto la torre di Pisa, in Toscana. L’arrivo nella Città Eterna è previsto nel tardo pomeriggio di domani.

Più di 1600 km da percorrere, senza fermarsi mai, correndo 24 ore su 24. Una sfida che gli 11 coraggiosi runners hanno deciso di accettare non solo per loro stessi, ma anche per una giusta e nobile causa.

Durante il tragitto è in atto una raccolta fondi destinati alla famiglia di Sara Lucà, giovane ragazza di Arma di Taggia colpita da un aneurisma e che necessita di cure costose e importanti.

Insieme a loro un piccolo testimone con inciso il nome di Sara perchè simbolicamente possa correre con loro. 30 km a testa poi il testimone passa al runner successivo, accompagnato da tanti amici corridori che hanno voluto prendere parte all’iniziativa.

Ad oggi, come si legge dalla pagina Facebook dedicata alla raccolta fondi, sono stati donati più di 7 mila euro.

Ci siamo quasi, Roma è sempre più vicina.