Alessandro Casano, consigliere comunale di Imperia, è ospite oggi nei nostri studi.

In questa intervista Casano commenta la figura di Luca Lanteri come candidato sindaco del centrodestra in opposizione all’ex ministro Claudio Scajola: “Per quanto riguarda la mia storia politica e il mio background personale, ritengo che ci sia una incompatibilità di base con la mia candidatura a sostegno di Luca Lanteri. Non ritengo che rappresenti quell’auspicato e sbandierato rinnovamento portato avanti dal ‘modello Toti’.”

Per queste ragioni nei giorni scorsi Casano ha rimesso le proprie dimissioni nelle mani di Fratelli d’Italia, partito di cui è capogruppo in consiglio comunale.

Senza andar troppo indietro nel tempo, è stato candidato alle regionali a sostegno di Raffaella Paita insieme a Capacci. Ha fondato un circolo di renziani a Imperia. Questo non trova alcuna coerenza con quello che stiamo vedendo oggi,” continua.

Nelle scorse settimane Casano aveva proposto il suo nome come possibile candidato della coalizione di centrodestra: “Mettere sul tavolo la mia candidatura speravo potesse essere di stimolo. Così non è stato. Non si può dire di voler rinnovare la politica imperiese contro la candidatura di Claudio Scajola proponendo Lanteri che non ha alcun requisito nell’ottica di una certa serietà politica.”