regione liguria
Credit: Davide Papalini (via wikimedia) - CC BY-SA 3.0

A pochi mesi dalle prossime elezioni regionali in Liguria sono iniziate le grandi manovre. Una nuova legge elettorale che la commissione regionale sta affrontando non fa che aumentare il senso di incertezza.

Sarà abolito il listino? Ci sarà il doppio voto di genere? O rimarrà la legge elettorale attuale?

Incuriosisce molto gli osservatori attenti quali saranno gli schieramenti che affronteranno la competizione.

Le liste civiche che a Imperia hanno appoggiato il sindaco Claudio Scajola chi sosterranno? E quelle del sindaco Biancheri?

Il presidente della Giunta regionale Giovanni Toti sta cercando di essere più presente sul territorio imperiese ma riuscirà a convincere i sindaci in gran parte indipendenti a schierarsi con la sua coalizione?

Troppi seggi sono già occupati: Piana e Viale nella Lega, Berrino in Fratelli d’Italia e Marco Scajola con il partito “Totiano” difficilmente faranno spazio.

Non si può dire lo stesso per lo schieramento del centrosinistra che, dopo l’uscita (forse) del Consigliere Giovanni Barbagallo unico “suo rappresentante”, è tutto da costruire. Fondamentale sarà quindi vedere quanti e quali saranno gli schieramenti definitivi. I 5 Stelle andranno al voto da soli oppure opteranno per un’alleanza con il PD come accaduto al Governo? La competizione si annuncia interessante.

Mai in passato la nostra provincia è stata così rappresentata a Genova come ora. Un presidente e un vicepresidente del Consiglio regionale, un vicepresidente e due assessori nella giunta; importante sarà vedere se nella prossima legislatura avremo una delegazione altrettanto rappresentativa.

I prossimi mesi saranno decisivi e definiranno un quadro più chiaro, nel frattempo i potenziali candidati scalpitano accendendo il dibattito che per ora si svolge all’interno dei partiti e degli schieramenti, ma che deflagrerà molto presto.

Giuseppe Fossati, Antonio Gagliano, Fabrizio Risso e Domenico Abbo ad Imperia, Alessandro Il Grande, Andrea Gorlero e Giuseppe Di Meco a Sanremo, Enrico Ioculano a Ventimiglia, Armando Biasi a Vallecrosia, Maurizio Morabito a Camporosso…saranno della partita? Ad oggi tante domande e poche risposte.

Articolo precedenteRimborsi gonfiati durante il Festival, indagati dipendenti della Rai in trasferta. Una truffa da 100.000 euro
Articolo successivoVentimiglia, 100 attestati per corsi di francese ai lavoratori frontalieri. Scajola: “Importante sostenere queste persone”