[beevideoplayersingle videourl=”https://vimeo.com/227119104″]Con 16 voti favorevoli, 4 contrari e 8 astenuti è stato approvato quest’oggi dal Consiglio regionale il Piano turistico di legislatura, che andrà avanti fino al 2020. Piano presentato con un deciso ritardo – come ammesso anche dall’assessore al Turismo gainni Berrino – a causa della spada di Damocle sulle competenze legate al referendum costituzionale dello scorso dicembre.

Nel piano vengono indicate le linee guida per i mercati di rifermento e le tipologie di turismo su cui puntare. “Ma – sottolinea Berrino – per la prima volta si trasferisce l’ideazione del prodotto ai territori, sotto la regia regionale. La parola d’ordine – conclude l’assessore – deve essere la crescita della qualità del nostro turismo”.

Articolo precedenteD’estate anche la palestra va al mare
Articolo successivoRiva e Santo Stefano uniti dal red carpet