[beevideoplayersingle videourl=”https://vimeo.com/235331942″]Sono stati 300 gli avvistamenti durante la campagna di ricerca estiva di Tethys, l’istituto fondato nel 1986 e dedicato alla conservazione dell’ambiente marino attraverso la ricerca scientifica e la sensibilizzazione del pubblico.

Sono questi i numeri record che confermano l’importante presenza di cetacei nel Mar Ligure e in particolare nelle acque di fronte alle coste del Ponente.

Alle crociere di autofinanziamento hanno partecipato decine e decine di studenti e non solo. Tanti gli appassionati, ma anche semplici curiosi che hanno voluto vivere l’esperienza unica di trovarsi faccia a faccia con le balene, animali maestosi e affascinanti, o navigare circondati da giocosi delfini.

Si è festeggiato con una bottiglia di spumante il trecentesimo avvistamento. Ora i dati raccolti dall’istituto Tethys, nel corso di questi mesi, verranno elaborati e saranno catalogati gli esemplari alcuni giĂ  noti, altri nati di recente e mai avvistati prima.

Il Mar Ligure si trova all’interno del Santuario dei Cetacei, un’area marina protetta che vanta una massiccia concentrazione di mammiferi marini.

Questa ricchezza è dovuta a una corrente che proviene da sud e, incontrando la costa dell’arco ligure, è costretta a deviare verso ovest, generando un vortice che porta le acque di profondità, ricche di elementi nutritivi in superficie e garantendo così un ecosistema ricco e fertile.

Articolo precedenteA San Bartolomeo 36 anni di tiro con l’arco
Articolo successivoRiqualificazione e recupero del mercato comunale di Porto Maurizio: 145mila euro per gli arredi