Calo del commercio, esercenti Oneglia e Porto Maurizio

Se baristi e ristoratori piangono, il resto dei commercianti non può sorridere. Sia a Oneglia, sia a Porto Maurizio, dopo l’ingresso della nostra regione in zona arancione, c’è infatti stato un drastico calo nelle vendite.

Calo che si registra un po’ in tutti i settori: dagli alimentari ai giocattoli, passando per la gioielleria, l’abbigliamento e i dolciari. Ciò che emerge è una diminuzione delle vendite dovute alla circolazione ridotta di persone, alla chiusura di bar e ristoranti, ma anche a un po’ di generale paura del covid-19.

Non può poi non esserci timore per una possibile seconda chiusura generalizzata e, al tempo stesso, per il periodo natalizio. Per il settore dolciario, dopo aver praticamente saltato la Pasqua, sarebbe una catastrofe, per quello dei giocattoli sarà complesso organizzarsi, così come per abbigliamento e gioielleria che, in genere, hanno un incremento di vendite con i regali natalizi.

I pareri dei commercianti nel videoservizio di Riviera Time.