video

“’Tolo Tolo’ e auguri a tutti!” Esordisce così Walter Vacchino dell’Ariston di Sanremo mutuando il gentile pensiero dal titolo del film di Checco Zalone che ha iniziato l’anno con il botto.

“Mi fa piacere dire che dopo anni di sofferenza il mercato cinematografico italiano ha chiuso il 2019 con un segno positivo, un +10/15% grazie soprattutto ad alcuni film che hanno fatto grossi risultati nel periodo estivo”.

“Il bilancio definitivo delle festività di Natale e Capodanno riguardo ai film più visti lo avremo tra un paio di settimane ma mi sento di dire che la lotta per il secondo posto, dietro Zalone, se la giocano due film americani – Star Wars e Jumanji – e due italiani – Pinocchio e Il Primo Natale”.

“È molto bello affermare che è tornato il piacere di andare al cinema anche per incontrarsi e stare insieme. Ma come ha detto Papa Francesco ‘..spegniamo il telefono quando mangiamo’ io dico spegniamolo anche quando andiamo al cinema o a teatro”.

“L’Ariston è impegnato per l’allestimento della scenografia del Festival e così abbiamo dirottato alcuni spettacoli al Centrale. Il 3 gennaio ‘La vedova allegra’, il 10 gennaio ‘La divina’ in omaggio a Maria Callas e il 14 febbraio ‘Tango y Amor’. Dai primi di marzo l’Ariston tornerà disponibile per proporre altri eventi e spettacoli”.

Tanta gente è arrivata a Sanremo per queste feste di fine anno. “Spero che in questo 2020 – dice Vacchino – le diverse categorie facciano quadrato per togliere dall’isolamento il nostro ponente ligure. Tutte le aziende di questo territorio necessitano di progettualità e non di interventi d’emergenza. Bisogna fare fronte comune con la Provincia, abbiamo mille potenzialità ma queste devono potersi esprimere”.

“Si, è vero, gente ne è venuta tanta – conclude Walter Vacchino – ma il punto è il gradimento espresso: se senti che tutti dicono che il posto è bello però 3 o 4 ore fermi in coda… beh questi commenti non danno la speranza di un felice ritorno dalle nostre parti. Noi dobbiamo accogliere i turisti e non imprigionarli nelle gallerie dell’autostrada”.