video

Risalendo la valle Oxentina, affluente del torrente Argentina, ci si inerpica fino all’abitato di Vignai, una manciata di case disposte ordinatamente sui crinali che risalgono le pendici del monte Ceppo.

I due cartelli del paese non sono concordi sull’altitudine del borgo: uno recita 760 mt., l’altro 740. Sta di fatto che ci troviamo in un ambiente relativamente in quota ma con un microclima unico, dovuto alla grande vicinanza alla costa che in linea d’aria dista pochissimi chilometri. Siamo nel comune di Bajardo, che qui oltrepassa i suoi confini in val Nervia.

Le strette viuzze ci accompagnano nella piazzetta dove si affaccia la chiesa della Madonna delle Grazie: costruita nel periodo compreso tra il maggio del 1497 ed il dicembre del 1498, al suo interno si colloca una tela della “Madonna col bambino” attribuita al famoso artista Guido Reni. I pochi abitanti decorano con generosità l’edificio che sembra un bellissimo giardino fiorito.

Vignai è un nome che i più associano al Rallye di Sanremo, una cui bellissima tappa passa proprio di qui. Oggi resta ben poco del periodo d’oro di quello sport, qualche insegna e i resti del passaggio delle macchine di pochi giorni fa. Un generoso abitante ne ripulisce le tracce sulla strada rimettendo a lustro il suo piccolo borgo arroccato che riposa un po’ in disparte dalla frenetica vita del mondo moderno.

Articolo precedenteSanremo, in arrivo domani presso l’ospedale 600 dosi di Vaxzevria
Articolo successivoTorna la campagna di vaccinazione straordinaria di Asl1 questo fine settimana