video

Il 2 luglio dal 1760 al 2021 è sinonimo di fiera di Vessalico. Anche quest’anno ecco la tradizionale manifestazione che mette in vetrina uno dei prodotti più rinomati del nostro territorio: l’aglio.

Tanti i banchi di produttori, provenienti dagli 11 comuni della valle Arroscia riconosciuti come coltivatori, ma anche spazio al mercato classico con i più svariati prodotti alimentari, d’abbigliamento e per il lavoro.

“Anche quest’anno siamo riusciti a organizzare l’evento – spiega a Riviera Time il sindaco Paola Giliberti. Tanto aglio, ma non solo. Il nostro prodotto è caratterizzato da un’estrema digeribilità che verrà confermata dalle analisi in corso e che ci permetterà di richiedere l’igp”.

L’aglio di Vessalico non è però, ovviamente, solo quello della fiera, ma comporta un lavoro e una produzione estremamente interessante e apprezzata dalle migliori cucine del mondo. Inevitabile che proprio questo prodotto sia considerato sempre più volano di un intero territorio: “L’aglio può davvero essere il futuro di questa valle – ammette Giliberti. Come area interna stiamo lavorando a progetti specifici che valorizzino l’aglio sia da un punto di vista economico, sia da uno turistico. L’aglio infatti non è soltanto la mera vendita, ma anche creare un percorso di narrazione: il famoso turismo esperienziale”.

Le immagini della fiera nel videoservizio di Riviera Time.

Articolo precedenteBordighera: oltre mille visite all’ufficio IAT nel mese di giugno, crescono i numeri dei turisti francesi e tedeschi
Articolo successivoFLAG GAC Imperia e Nord Sardegna a confronto sullo scambio di esperienze per il rilancio della Blue Economy