Ventimiglia sommersa dal fango, in ginocchio i commercianti

Difficile camminare per le vie del centro di Ventimiglia all’indomani della drammatica perturbazione che nella notte si è abbattuta violentemente sulla Val Roja. Il fango, che in alcune zone arriva alle ginocchia ricopre l’asfalto, i marciapiedi, le aiuole.

Il fiume, esondato intorno alla mezzanotte, ha sommerso il centro cittadino devastando innumerevoli attività commerciali e di ristorazione. Impossibile fare una conta dei danni complessiva, ma alle prime luci dell’alba la situazione è risultata immediatamente tragica. In queste ore i proprietari, gli uomini della Protezione Civile e tantissimi volontari sono a lavoro per liberare i locali dall’acqua e dal fango.

“Il centro cittadino è stato completamente inondato,” commenta Matteo De Villa, assessore al Commercio.

“La situazione delle attività commerciali ci preoccupa particolarmente. Dopo il periodo del Covid questa ulteriore mazzata non ci voleva. Lo stato di calamità è evidente, abbiamo sentito la Regione che ci ha dato garanzie mettendosi a disposizione e confermando che farà il possibile per aiutare i ventimigliesi.”

I commercianti non possono aspettare. Abbiamo istituito un ufficio per raccogliere le istanze e il Comune farà la sua parte, ma le istituzioni centrali devono aiutarci.”

L’intervista integrale e le immagini della devastazione del Roja sono visibili a inizio articolo.