guardia di finanza

Due importanti operazioni antidroga sono state condotte dai militari della Guardia di Finanza al confine di Stato. Nel dettaglio, un carico di 40 kg di hashish e uno di 34 di cocaina sono stati sequestrati nel mese di marzo alla barriera autostradale di Ventimiglia.

Lo riporta l’Ansa, specificando che il primo sequestro è avvenuto lo scorso 8 marzo, su un autoarticolato spagnolo in entrata dalla Francia. I militari, insospettiti dall’incompatibilità tra il carico di generi alimentari trasportato e l”impresa di destinazione del trasporto che nulla aveva a che vedere con i generi alimentari, hanno fatto entrate in azione il cane antidroga che ha scoperto tra gli ortaggi del rimorchio 540 panetti di hashish. Arrestati i due autisti.

Il secondo sequestro è avvenuto due giorni dopo, il 10 marzo, su un camion italiano in ingresso in Italia, condotto da un uomo residente in Calabria. A insospettire i finanzieri la scarsa conoscenza da parte dell’autista del carico trasportato e del contenuto dei documenti accompagnatori della merce, in particolare del luogo di carico e di destinazione. Anche in questo caso è intervenuti il cane antidroga che ha scoperto nelle intercapedini superiori della cabina motrice 98 involucri con cocaina purezza. L’autista è stato arrestato. La droga e i mezzi sono stati sequestrati.

Negli ultimi tre mesi la Guardia di finanza ha sequestrato al confine oltre 150 kg di stupefacente.

Articolo precedenteImperia celebra la sua storia: nuova vita per la lapide “Civitas Fidelissima” a Oneglia
Articolo successivoBordighera: online il modulo per i contributi a favore dei nati durante l’emergenza covid-19