Un migrante che cercava di varcare la frontiera di Ponte San Luigi a Ventimiglia per giungere a mentone attraverso il famigerato “Passo della morte”, è rimasto bloccato su uno sperone di parete rocciosa.

È accaduto questa mattina e a portarlo in salvo sono stati i vigili del fuoco del Reparto Speleo Alpino fluviale (Saf) di Imperia.

Il ragazzo sta bene e ha subito soltanto un taglio a una gamba. Le operazioni di soccorso sono durate circa un’ora.

Non è la prima volta che profughi diretti oltreconfine restano bloccati sul grande costone roccioso che in alcuni tratti presenta strapiombi di cento metri. Si è così sfiorata l’ennesima assurda tragedia causata dalla chiusura della frontiera e dai sempre più serrati controlli e respingimenti francesi.

Articolo precedenteVentimiglia, contributi comunali alle associazioni: domani termine ultimo per la domanda
Articolo successivo50 parcheggi in centro, si smuove il cantiere di Arma