video

“Ritengo che sia un argomento molto scottante”. Con queste parole l’assessore al Turismo di Ventimiglia, Simone Bertolucci, introduce il suo pensiero sul Festival di Sanremo, argomento che tiene banco nelle ultime settimane e che non riguarda solo la città dei fiori, ma coinvolge indirettamente tutta la provincia.

“La prima cosa che mi viene in mente è sempre quella di seguire le normative legislative – spiega Bertolucci. – È un gran peccato avere il dubbio se fare o meno il Festival, perché l’amministrazione comunale di Sanremo ha saputo, soprattutto l’anno scorso, ampliare la manifestazione all’esterno dell’Ariston. Questa è stata la cosa più lungimirante, anche perché l’indotto economico si è veramente allargato.

Forse fare un qualcosa di ‘zoppo’ non è sempre corretto rispetto al farlo bene. Sono dell’idea che quando una cosa non si può fare al 100%, probabilmente sarebbe logico attendere e farla poi al meglio. Però il Festival, oltre a essere una manifestazione, è anche un programma televisivo, quindi giustamente ci sono dei canoni televisivi da rispettare.

Forse per la tutela stessa dei cittadini e per l’indotto economico, in un’altra circostanza si sarebbe potuto posticipare o aspettare di poterlo fare”.