polizia

La Polizia di Stato di Ventimiglia, a cinque anni dalla sua scomparsa, rende omaggio al Vice Sovrintendente Diego Turra, deceduto in servizio nel corso di un’azione durante la quale, insieme alla sua squadra del VI° Reparto Mobile di Genova, tentava di garantire la sicurezza della collettività.

Durante una fase dell’intervento si era improvvisamente accasciato a terra, privo di sensi, stroncato da un malore.

Chi lo ha conosciuto lo ricorda come un uomo integerrimo, amante del suo lavoro, della famiglia e dei libri.

Per ricordare il collega la Questura di Imperia ha organizzato una cerimonia che si è svolta nella mattinata odierna alle ore 11.00, all’interno dell’atrio del palazzo comunale di Ventimiglia ove, il 6 agosto 2017 alla presenza dei familiari del defunto e di tutti i componenti della sua Squadra, era stata posta una lapide commemorativa per ricordare la tragedia consumatasi l’anno precedente nell’area dell’ex parco ferroviario Roja, in frazione Bevera.

Alla commemorazione, svolta in forma ristretta a causa delle limitazioni per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, erano presenti il Dirigente con il personale del Commissariato di Ventimiglia ed il Parroco di Sant’Agostino, Don Ferruccio, che ha impartito una benedizione concludendo la celebrazione.

In prima fila, a rendere omaggio al collega scomparso, sono giunti da Genova un Funzionario e tre colleghi del VI° Reparto Mobile, che quel giorno del 2016 si trovavano al fianco del Vice Sovrintendente Turra.

Era anche presente personale del Settore della Polizia di Frontiera ed un rappresentante dell’organizzazione sindacale Siap.

Per conto dell’Amministrazione Comunale sono intervenuti l’assessore ai lavori pubblici Ascheri, il Comandante ed il Vice Comandante della Polizia della Polizia Municipale.

Articolo precedenteCasinò, slot-machines, tavoli verdi e green pass. Un solo ingresso e una sola uscita per la sicurezza anti Covid
Articolo successivoLucinasco, domani sera per la rassegna ‘Concerti sul lago’ l’ensemble Belle Époque