stazione ventimiglia

La notte tra venerdì 21 e sabato 22 giugno, nella stazione ferroviaria di Ventimiglia si svolgerà una esercitazione protezione civile coordinata dalla Prefettura di Imperia.

L’iniziativa si colloca nel quadro del piano nazionale per lo svolgimento di esercitazioni di protezione civile in ambito ferroviario promosso dal Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane.

Lo scenario prevede la simulazione di una perdita di sostanza pericolosa (rilevata da agente sul posto) da treno in arrivo dalla Francia in transito nella stazione di Ventimiglia ed il coinvolgimento di oltre venti figuranti.

Realizzata su scala reale (full scale) prevede gli interventi ed il ruolo attivo, secondo le rispettive competenze, di Prefettura, Questura, Comando provinciale dei Carabinieri, Comando provinciale della Guardia di Finanza, Compartimento Polizia Ferroviaria, Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, Servizio 118, Regione Liguria Dipartimento Protezione Civile, Comune di Ventimiglia, Rete Ferroviaria Italiana, Trenitalia, Fuorimuro, SNCF Reseau, AIB e Volontari della Protezione Civile di Taggia.

L’obiettivo dell’esercitazione, sviluppata e proposta da Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) è la rielaborazione dell’attuale Piano Generale di Emergenza della stazione di Ventimiglia. In particolare, con la simulazione realistica si intende verificare il flusso di allertamento e informativo del sistema, i tempi di arrivo delle risorse, l’attitudine alla cooperazione ed al coordinamento dei soggetti responsabili delle varie attività organizzative e di soccorso, nonché la capacità di gestione dell’evento da parte dei responsabili presenti sullo scenario. Sarà possibile verificare l’entità delle risorse disponibili ed i sistemi di comunicazione ai fini del soccorso in stazione di Ventimiglia.

Articolo precedenteAccelerata sul nuovo ospedale unico, Viale: “Svolta importante. Raccolta firme dei contrari? Basate sulla disinformazione”
Articolo successivoSanremo: successo per la presentazione di “Storiemigranti”, il libro di Nicola Bernardi e Sio