Importante operazione di Polizia che ha consentito l’arresto di tre passeur, che tentavano di lasciare il territorio a bordo di una auto con dentro, tra sedili e bagagliaio, si trovavano 14 clandestini, per un totale quindi di 17 persone.

I poliziotti da tempo stavano effettuando un’attività info investigative nelle zone maggiormente predilette dai passeur per caricare gli stranieri. Le difficoltà sono sorte nel momento in cui gli stessi passeur hanno capito che, dietro gli arresti che via via venivano effettuati dalla Polizia di Frontiera, dovevano esserci poliziotti esperti nell’individuare le loro strategie. Proprio per questo hanno iniziato a cambiare sia i luoghi di incontro che le possibili vetture per non farsi riconoscere.

La scorsa sera, a Ventimiglia, gli agenti avevano avvistato un mezzo già notato nei giorni scorsi. Dopo qualche ora di sosta,  il veicolo però non c’era più.

I poliziotti così hanno deciso di andare in autostrada sperando in un  loro passaggio.

Dopo una lunga attesa,in lontananza hanno visto sopraggiungere, in direzione autostrada, un veicolo che, stante l’ipotizzabile “carico umano”,  procedeva  con le ruote quasi a terra, seppure a velocità sostenuta.

Il conducente, a bordo di una Renault Espace, ignaro della presenza dei poliziotti, si fermava a prendere il biglietto in barriera e, proprio in quel momento, due agenti, con scatto fulmineo, aprivano le portiere bloccandolo immediatamente per scongiurare l’improvviso abbandono del  mezzo, con la marcia inserita ed il suo carico, come già accaduto in passato. Nel mentre tre auto della polizia, si sono posizionate rispettivamente davanti e dietro la Renault dei passeur, impedendo sia un movimento del mezzo, che la fuga dei clandestini.

Il veicolo è stato condotto presso gli uffici di Polizia di piazza Libertà e una volta aperto, i poliziotti hanno scoperto oltre ai  due  stranieri accanto l’autista, altri 14 extracomunitari, stipati in condizioni disumane, parte dei quali incastrati  nel bagagliaio tanto da non riuscire a muoversi ed iniziando ad avere difficoltà respiratorie.

I passeur sono stati pertanto assicurati alla giustizia: si tratta di tre afghani (22-29 e 32 anni) uno dei quali, in possesso di permesso di soggiorno rilasciato dalla Questura di Bolzano mentre gli altri due sono sedicenti.

I 14 clandestini, le cui nazionalità variano dall’Afghanistan, alla Palestina, Nigeria, Siria e Nord Africa, sono stati messi in sicurezza dalla Polizia. Gli stessi hanno dichiarato di aver corrisposto somme intorno ai 150 euro per un viaggio che, hanno poi compreso, prometteva solo sogni di carta.

Tutti gli arrestati sono stati condotti al Carcere di Imperia.