arresto polizia

Durante quest’ultima settimana caratterizzata da un forte spostamento di persone in ambito frontaliero per partecipare agli eventi carnevaleshi, il personale della Polizia di Frontiera di Ventimiglia, sulla base di direttive emanate dal direttore della 1° Zona Polizia di Frontiera Piemonte Liguria – Valle d’Aosta ed in linea con le indicazioni fornite dal Prefetto e dal Questore di Imperia, ha mantenuto alta l’attenzione sul confine italo-francese, intensificando tutti i controlli, atteso anche il presumibile transito di numerosi viaggiatori, interessati a raggiungere la limitrofa cittĂ  di Mentone per assistere alle sfilate di carri, in occasione della FĂ©te du Citron. Ed è risaputo che la soglia di attenzione debba maggiormente elevarsi per evitare che tra i tanti viaggiatori possano dissimularsi latitanti od altre persone da attenzionare sotto il profilo della sicurezza pubblica.

Allora sono stati moltiplicati i controlli sulle persone, sui loro documenti, sui veicoli, presso tutte le zone di retrovalico, svolti con estremo impegno ed alta professionalitĂ  dai 627 uomini messi in campo che hanno realizzato ben 250 servizi di pattuglia e raggiunto risultati eccellenti; circa 500 i veicoli controllati e circa 2.800 persone identificate di cui circa 2.200 appartenenti a Paesi Terzi, con un totale di 15 arresti in una sola settimana, dei quali si menzionano i piĂą rilevanti:

  • Arresto di un cittadino tunisino B.M, di anni 31, controllato mentre scendeva da un treno proveniente dalla Francia, che dichiarava di essere sprovvisto di documenti ma veniva trovato in possesso di un documento d’identitĂ  europeo, celato tra i suoi indumenti, che risultava essere carente sotto il profilo delle caratteristiche di sicurezza tipiche dei documenti autentici, ovvero contraffatto, che gli avrebbe permesso di circolare liberamente nello spazio Schengen.
  • Arresto di un cd. passeur, il cittadino d’origine tunisino F.H. di armi 43 ma naturalizzato francese, ad opera della squadra mista italo-francese che effettuava un posto di controllo mirato alla prevenzione e al contrasto dell’immigrazione clandestina sull’autostrada AIO. Viaggiava a bordo di un’autovettura con targa francese, con a bordo quattro persone sospette, due egiziane ed una tunisina, risultate poi irregolari sul territorio nazionale. Lo straniero veniva seguito e fermato nei pressi dell’uscita autostradale di Mentone (F).
  • Arresto di un cittadino tunisino, K.B. respinto dalla Polizia d’oltralpe poichĂ© aveva tentato di fare ingresso in quello stato privo della documentazione necessaria, il quale, da successivi controlli esperiti da personale di questo Settore Frontiera, risultava essersi allontanato arbitrariamente dalla comunitĂ  in cui era stato collocato, quale misura cautelare, dal Tribunale per i Minorenni di Bologna, motivo per il quale veniva aggravata la misura e disposta la collocazione presso un istituto penitenziario minorile per un mese.
  • Arresto di un cittadino tunisino, G. J. di anni 35, fermato presso la barriera autostradale di Ventimiglia mentre viaggiava a bordo di un autobus proveniente da Marsiglia e diretto a Roma, il quale, destinatario di un provvedimento di Respingimento alla frontiera e del relativo Ordine del Questore di Trapani di lasciare il territorio dell’U.E. non ottemperava facendo rientro in Italia prima che fossero decorsi i termini previsti dal provvedimento stesso.
  • Arresto di due cittadini algerini B.F. di anni 45 e M.D. di anni 33, per favoreggiamento all’immigrazione clandestina, “passeur”; a seguito ad una segnalazione giunta alla sala operativa di questo Settore Frontiera, in merito al fatto che un’autovettura con targa francese aveva da poco caricato dei clandestini a bordo, mentre si trovava nella piazza antistante la locale stazione ferroviaria. Una nostra pattuglia presente presso la barriera autostradale di Ventimiglia, prontamente intercettava e fermava il veicolo segnalato, sul quale, oltre al conducente, vi erano quattro clandestini a bordo, uno dei quali veniva peraltro tratto in arresto perchĂ© destinatario di un provvedimento di Respingimento alla frontiera e del relativo Ordine del Questore di Cagliari di lasciare il territorio dell’U.E. non ottemperava facendo rientro in Italia prima che fossero decorsi i termini previsti dal provvedimento stesso, e gli altri messi a disposizione della Questura di Imperia.
  • Arresto di un cittadino della Mauritania C.T., di anni 33, poichĂ© controllato mentre scendeva da un treno proveniente dalla Francia ed in possesso di un documento d’identitĂ  contraffatto, in quanto carente sotto il profilo delle caratteristiche di sicurezza, che gli avrebbe permesso di circolare liberamente nello spazio Schengen.
  • Arresto di un cittadino algerino, A.A., di anni 27, per violenza e resistenza a pubblico ufficiale, nonchĂ© per il danneggiamento dell’autovettura della Polizia di Stato con il quale è stato accompagnato in ufficio; l’uomo infatti, inizialmente non ottemperava alle molteplici richieste di esibire un proprio documento identificativo da parte di personale di questi uffici, tentando eludere i controlli per salire su un treno diretto in Francia e, una volta fermato dagli operatori, inveiva contro di essi, colpendoli piĂą volte con pugni e calci, provocandogli anche delle lesioni.
  • Arresto di un cittadino italiano, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, nell’ambito del narcotraffico a livello internazionale, ricercato dalla D.D.A. di Palermo, controllato mentre scendeva da un treno proveniente dalla Francia.
  • Arresto di un cittadino tunisino, B.N. di anni 23, che rientrava in Italia con un treno proveniente dalla Francia, disattendendo ad un provvedimento di espulsione del Prefetto di Imperia con relativo Ordine del Questore a suo carico.
  • Arresto di un cittadino afghano S.H. di anni 35, il quale, controllato a bordo di un pullman di linea proveniente dalla Francia, ricercato per rapina commessa nel territorio intemelio cinque anni fa, nonchĂ© destinatario di un provvedimento di espulsione del Prefetto di Milano e del relativo Ordine del Questore di Milano di lasciare il territorio dell’U.E. non ottemperava facendo rientro in Italia prima che fossero decorsi i termini previsti dal provvedimento stesso.

“Durante l’operazione sopradescritta, le direttive dispensate dal Direttore I Zona Frontiera di Torino, dal Prefetto e dal Questore di Imperia, sono state osservate in modo scrupoloso e specialistico da tutto il personale, portando al rintraccio di stranieri irregolari sotto il profilo migratorio e giudiziario e ad un aumento del livello di sicurezza nel territorio cittadino. L’arresto di 15 persone nell’ultima settimana dalla Polizia di Frontiera, è a testimonianza di un costante e concreto svolgimento di un’attenta e meticolosa attivitĂ , volta alla prevenzione, repressione e contrasto al fenomeno dell’immigrazione clandestina e di tutti i reati a suo corollario, che dall’inizio dell’anno, ci ha condotto all’arresto di 33 persone, alla riammissione in territorio francese di 76 irregolari in territorio francese e di mettere a disposizione della Questura 51 clandestini per la procedura dell’espulsione dal territorio nazionale”, dichiara il dirigente della Polizia di Frontiera, il vice Questore Aggiunto Martino Giorgio Santacroce.