[beevideoplayersingle videourl=”https://vimeo.com/240359076″]Un ramificato e massiccio sistema di videocamere. È questa l’idea dell’amministrazione comunale per rispondere alla richiesta di maggiore sicurezza dei cittadini di Ventimiglia.

“Dopo una diminuzione dei flussi, stiamo assistendo negli ultimi 15 giorni ad un aumento degli arrivi, in particolare dalla Tunisia,” spiega il primo cittadino Enrico Ioculano preoccupato dalla notizia dell’arrivo in Italia di detenuti liberati in Tunisia a seguito di un indulto che ha scarcerato nei mesi scorsi circa 2000 persone.

Da qui nasce la tanto discussa “ordinanza anti-alcol” nel centro città e la richiesta a Roma di dotare la città di un “grande fratello” funzionale e di supporto alle forze dell’ordine.

Oltre ai fondi del decreto Minniti, Ioculano punta anche ai finanziamenti europei dedicati alle zone di frontiera.

Il primo cittadino spiega l’iniziativa a Riviera Time.

Articolo precedenteTaggia ricorda l’alpino Chierotti al quinto anniversario dalla morte
Articolo successivoLucia Palmero, quando l’arte nasce dalla domanda: “Chi sono?”