Ventimiglia Alta, la nuova scuola nascerà nell'area del Funtanin

Sorgerà nell’area del Funtanin il nuovo edificio scolastico di Ventimiglia Alta. Ad annunciarlo questa mattina in una conferenza ufficiale il sindaco di Ventimiglia, Enrico Ioculano, l’ assessore ai Lavori Pubblici Gabriele Campagna e l’architetto Andrea Folli.

Il centro storico tornerà così ad avere una scuola, dopo la chiusura per motivi di sicurezza del plesso che ospitava la scuola Cavour. Il desiderio del sindaco Ioculano è quello che l’edificio possa essere intitolato a Monsignor Giacomo Barabino: “È una figura storica per il centro, un soggetto ben voluto e riconosciuto da tutta la comunità. Sarebbe bello dargli questo riconoscimento”, ha commentato.

La struttura sarà realizzata nella zona che oggi ospita l’area giochi che però non verrà persa ma bensì sarà recuperata e costruita sul tetto della nuova scuola, seguendo il modello di altre città come ad esempio Monaco. Decisione molto importante a cui l’amministrazione ha tenuto particolarmente in quanto l’area giochi è l’unica presente nel centro storico.

Inizialmente era stata valutata l’area del Capo, per dare una continuità tra la scuola dell’infanzia e la primaria, ma non è risultata idonea e la collocazione migliore si è rivelata essere il Funtanin.

Il processo è partito con lo studio di fattibilità della scuola per poter accedere al bando e ai finanziamenti, dove la città di Ventimiglia è arrivata sesta su oltre duecento domande in tutta la Regione. Successivamente si è passati allo studio del contesto e dell’area, analisi mirata a realizzare un edificio che non fosse costretto e che rispettasse determinati parametri e criteri, da cui è derivata la scelta del Funtanin.

La scuola avrà un’esposizione ottimale con una struttura a impatto zero e finalmente il comfort che deve avere una scuola moderna – spiega il sindaco Enrico Ioculano – Non verranno tolti gli spazi sportivi e ludici. Stiamo andando nella giusta direzione dopo un confronto ottimale con tutti i soggetti. A breve usciranno i decreti di assegnazione delle risorse e da quel momento si potrà partire con il progetto esecutivo e poi a quel punto, conferenza dei servizi e poi l’appalto”. 

Con i finanziamenti sono stati assegnati al Comune di Ventimiglia 4,5 milioni di euro e, a detta del sindaco, si potrebbe già arrivare a settembre con un progetto da portare in conferenza dei servizi e partire poi per i bandi e le gare d’appalto e in un anno si potrebbe così avere l’aggiudicazione definitiva.

Le interviste al sindaco Enrico Ioculano e all’architetto Andrea Folli.