Ventimiglia, allo ‘Spazio ZeroSei’ vanno in scena i concerti per i più piccoli

Domenica 10 marzo presso la Biblioteca Aprosiana di Ventimiglia Alta si sono svolti i concerti educativi secondo il format Musa-Concerts!TM ideato da Andrea Apostoli, Presidente dell’AIGAM, Associazione Italiana Gordon per l’Apprendimento Musicale.

L’evento è un’iniziativa che fa parte del Progetto “Spazio ZeroSei” di Ventimiglia, luoghi di esperienze per bambini e famiglie. Spazio ZeroSei è un progetto selezionato dall’impresa sociale “Con i bambini” nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile.

I concerti sono stati realizzati grazie alla collaborazione con l’Associazione “Pànta Musicà” di Imperia e con la Fondazione “Erio Tripodi – Museo della Canzone” di Vallecrosia.

“Nessun palco, nessuna platea. Bambini e genitori seduti su un grande tappeto.

Un flauto, un sassofono, un mandolino, un contrabbasso, un cajon, un pianoforte e un coro canteranno e suoneranno interagendo con bambini e genitori”.

“Un concerto tutto matto!” per bambini di 3-5 anni ha fatto registrare il tutto esaurito. Notevole l’affluenza anche a “Che orecchie grandi che ho!” per bambini di 0-2 anni, “Musica, che gran gioco!” per bambini di 2-3 anni e “Concertiamo?” per bambini da 6 anni in su.

I musicisti dell’Ensemble “I PàntaMusici” e le voci dei coristi del Coro Giovanile “Erio Tripodi”, diretti dall’Educational Concert Designer e Insegnante AIGAM Roberta Garrione, che fa parte dell’equipe di Spazio ZeroSei, hanno regalato intense emozioni a bambini e genitori, che hanno partecipato attivamente cantando, improvvisando, e danzando.

Presente alla manifestazione l’avvocato Vera Nesci, Assessore comunale alla Scuola e ai Servizi Sociali, e la Dott.ssa Maria Grazia Fossati, psicologa, responsabile dei servizi socioeducativi.

I Musa-Concerts!TM sono un format collaudato, che sta riscuotendo grande successo in tutto il mondo, dall’Europa alla Cina, e sono stati realizzati in collaborazione con prestigiose orchestre e enti culturali, fra cui Berliner Philharmoniker, Wiener Philharmoniker, Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, I Musici di Roma.

Articolo precedenteVentimiglia, Gaetano Scullino è candidabile: “Sciolgo le riserve. Mi candido alla carica di sindaco”
Articolo successivoSanremo, concerto di Jimmy Ingrassia al Club Tenco