san segundin

Si è riunita questa mattina la commissione per l’assegnazione del premio “San Segundin” per deliberare il conferimento della massima onorificenza cittadina per l’anno 2024.

Il premio “San Segundin d’Argentu” viene assegnato ogni anno a una persona che con la sua attività si sia particolarmente distinta per divulgare la cultura, le tradizioni, la storia della città di Ventimiglia, che abbia particolari meriti artistici, culturali o sportivi, che abbia agito nel sociale prodigandosi in opere di volontariato, in attività benefiche verso il prossimo, compiuto particolari gesta di valore o che con la sua attività abbiano dato lustro alla città di Ventimiglia.

Quest’anno sarĂ  Gaspare Caramello a ricevere l’onorificenza da parte del sindaco, on. Flavio Di Muro, alla presenza di S.E. il Vescovo della Diocesi di Ventimiglia-Sanremo, Mons. Antonio Suetta, e delle massime autoritĂ  provinciali, il 26 agosto 2024 nell’ambito della cerimonia ufficiale che si terrĂ  alle 9:30 nel centro polivalente di San Francesco a Ventimiglia Alta. SeguirĂ  alle ore 11:00, in Cattedrale, la Santa Messa Pontificale in onore del Santo Patrono San Secondo.

Il premio è stato assegnato con le seguenti motivazioni:

“Gaspare Caramello, nato a Ventimiglia il 24 giugno 1951, è un benemerito cittadino ventimigliese che ama profondamente la sua cittĂ . Dopo gli studi universitari, FacoltĂ  di Architettura, ha intrapreso la carriera da impresario nella ditta di famiglia, ma si è sempre impegnato nel campo del sociale: sia come politico locale, assessore alla Cultura, sia come semplice cittadino. Molteplici le sue collaborazioni in molte associazioni culturali e sportive di Ventimiglia, dalla Cumpagnia d’i Ventemigliusi al Comitato pro Centro Storico, alla Compagnia dei Balestrieri, al Sestiere Cuventu di cui è stato presidente, al Sestiere Ciassa come attore e figurante.

Anche in campo artistico Gaspare si è distinto sia in ambito locale che nazionale con molti riconoscimenti e vittorie in concorsi letterari, di pittura e teatrali.

Citiamo fra gli altri il premio San Michele istituito dal Comitato pro Centro Storico e rivolto ad artisti intemeli. Nel suo curriculum vitae vogliamo anche aggiungere la sua attività benefica non nota ma reale, esercitata nell’esercizio della sua professione aiutando in diversi modi i più bisognosi ed indigenti.

La vasta attività di Gaspare Caramello nei più diversi ambiti è sempre stata associata a Ventimiglia, sua città natale che egli ama profondamente, sia nelle sue pieces teatrali, nei racconti, nelle poesie, nello studio e diffusione del dialetto ventemigliusu anche nelle scuole così come nella pubblicazione di foto e cortometraggi per concorsi o nei vari siti online che hanno ottenuto milioni di visualizzazioni.

Gaspare Caramello quindi è un ventemigliusu che ha sempre amato la sua cittĂ , ha lavorato per essa ed ha fatto conoscere e valorizzato a livello internazionale il nome e le bellezze storiche ed artistiche di Ventimiglia”.