video

Giornata campale per Ventimiglia. Questa mattina si è infatti tenuta la presentazione ufficiale delle strutture a terra che andranno ad arricchire e completare il fronte mare della città.

A occuparsene sarà la Marina Development Corporation, rappresentata oggi dal suo amministratore delegato Giuseppe Noto, per una spesa complessiva di 200 milioni, finanziata dall’olandese Rob Thielen, che garantirà circa 300 posti di lavoro.

Nel dettaglio le grandi opere realizzate saranno quattro: il centro residenziale Borgo del forte, il campus Borgo del forte con tra le altre cose una scuola, una piscina olimpionica e sei campi da tennis, il ristorante ‘La Rocca’ e il Club Italia, una nuova piazza con il recupero della palazzina ex Aci.

Presente alla conferenza stampa odierna gran parte dell’amministrazione comunale di Ventimiglia tra cui, ovviamente, il sindaco Gaetano Scullino: “Oggi abbiamo questa grande opportunità grazie al signor Thielen che ha creduto nella città – dice il primo cittadino. Abbiamo lavorato gomito a gomito per due anni con i tecnici della sua società per poter investire al meglio questi 200 milioni di euro. Sono quattro posti dove c’è il degrado più assoluto, quindi per noi è motivo di grande soddisfazione. Borgo del forte sarà riqualificato tutto il versante, piazza Costituente avrà un nuovo parcheggio e a levante la parte del Campasso, con 25mila mq completamente abbandonati, vedrà la costruzione di una scuola con attività sportive di ogni genere. Sono abbastanza ottimista anche con le tempistiche che ci hanno detto di circa quattro anni. Mi auguro che nei prossimi cinque anni la città sarà completamente migliorata”.

Presente come detto anche l’amministratore delegato di Mdc: “Parliamo di un progetto di rigenerazione urbana in grado di riposizionare l’offerta turistico ricettiva della città per porla a competere all’interno del Mediterraneo – dice Noto. Rilancerà Ventimiglia sia da un punto di vista turistico sia da uno pubblico con una scuola internazionale e una serie di impianti sportivi di alto livello”.

Sulle tempistiche: “Entro giugno 2022 contiamo di ricevere le autorizzazioni per completare l’intervento entro fine 2024. Contiamo di consegnare a dicembre di quell’anno Borgo del forte e il campus, mentre per il ristorante e l’ex Aci a fine 2022, inizio 2023 saremo già in grado di aprire”.

Nel dettaglio il progetto vedrà:

  1. Un riequilibrio dei volumi complessivi, attraverso lo strumento delle varianti urbanistiche non si deve ottenere di creare dal nulla nuovi volumi ma si deve concedere di spalmarli diversamente all’interno della città; ci è stato concesso con la rinuncia a costruire civili abitazioni nella zona ferroviaria del Campasso di Nervia, ove avremo invece zone verdi, attività sportive, un centro studi e attività dedite all’arte, mostre e ogni attività che sia di rilancio della zona faunistica esistente;
  2. Un potenziamento incisivo e rilevante sulla ricettività turistica, alberghiera ed extra alberghiera; abbiamo chiesto che almeno la metà dei nuovi volumi fosse dedicata a consentire finalmente il rilancio economico turistico di Ventimiglia;
  3. Maggiori servizi nella zona, aree verdi e parcheggi, iniziando dalla riqualificazione di piazza costituente che deve essere liberate dalle macchine senza perdere i posti auto, realizzando nel sottosuolo un parcheggio; un collegamento funzionale con il centro storico, uno dei più belli della Liguria e rispetto dell’ambiente.

Le interviste al sindaco Gaetano Scullino e all’amministratore delegato di Mdc Giuseppe Noto nel video-servizio a inizio articolo.

Articolo precedenteVallecrosia, nuovi alloggi di edilizia popolare: incontro tra l’assessore regionale Scajola, l’amministrazione e Arte Imperia
Articolo successivoCovid: 6 decessi e 331 nuovi positivi in Liguria