video
04:46

“È un’ottima annata, ma non è frutto del caso”. Ci tiene a sottolinearlo Giacomo Ferrari, dell’Associazione Produttori Moscatello di Taggia, nel commentare l’inizio della vendemmia 2021.

Ci troviamo sulle colline alle spalle di Terzorio, nel ponente ligure, dove proprio oggi ha preso il via la raccolta dell’uva. Un lavoro che può essere definito ‘coraggioso’, viste le difficoltà di un’attività prettamente manuale, portata avanti con grande passione in zone difficilmente raggiungibili dai mezzi di trasporto. Qui, in pochi minuti, si passa da 0 a 300 metri sul livello del mare e si raggiungono le vigne del Moscatello, un vino aromatico della grande famiglia dei Moscati. Ed è proprio l’ampio spettro di aromi a caratterizzare questo vino e a renderlo così pregiato.

“I vignaioli dicono sempre che è un’ottima annata – spiega, con un velo di provocazione, Giacomo Ferrari – secondo me le annate non si improvvisano: bisogna prepararle, capire cosa si vuole ottenere dal vigneto. In Liguria si può e si deve ottenere un’alta qualità”.

Qualità e non quantità, date le caratteristiche geografiche della nostra regione. “Il terreno è povero, asciutto, ma questo è il risultato di una scelta: se la vite ha difficoltà, nel frutto mette il massimo. Se invece si trova a suo agio ha un grande sviluppo, quindi una grande produzione, a scapito della qualità. La Liguria non può competere sul prezzo con le altre regioni, deve puntare sulla qualità assoluta”.

Per capire qual è il giorno esatto in cui iniziare la vendemmia, ci si affida alle analisi di laboratorio: “Quest’anno la qualità è buona ed è frutto di questo investimento sullo studio, sia della varietà da piantare e dei sistemi di coltivazione, sia della scelta dei terreni. Non c’è improvvisazione. Ad esempio, qui abbiamo il mare di fronte e questo dà un grosso beneficio all’uva perché tra il giorno e la notte c’è una forte escursione termica, cosa che aumenta lo spessore della buccia e di conseguenza degli aromi”.

L’intervista integrale a Giacomo Ferrari è visibile nel videoservizio presente a inizio articolo.

Articolo precedenteCovid-19, intervista alla professoressa Mara Lorenzi: “Vaccino Pfizer, l’importanza dell’autorizzazione definitiva della Fda statunitense nell’argomentare con i ‘no-vax'”
Articolo successivoA Badalucco “Due giorni nella bellezza”, alla scoperta della storia e del territorio