Partito oggi a Vallecrosia il “Servizio di pubblica utilità”, un progetto lavorativo che ha la finalità di favorire l’inserimento lavorativo dei migranti, grazie alla loro attività di volontariato a favore della comunità locale e al decoro della città.

Il decoro urbano, quale biglietto da visita della città di Vallecrosia, sarà perseguito anche grazie al contributo dei migranti ospitati dal Comune di Vallecrosia, tutti aventi lo status di cittadino richiedente asilo nel nostro Paese, che opereranno sul territorio comunale, con lavori volti al miglioramento della città e con la supervisione dell’Ufficio Tecnico Comunale.

Il Vice Sindaco Marilena Piardi, che si è attivata per realizzare il progetto, afferma: “Come da impegni presi in campagna elettorale, dove le priorità erano quelle di restituire una città pulita ed ordinata, abbiamo pensato, in accordo con la maggioranza, di coinvolgere i migranti ospitati a Vallecrosia dalla cooperativa KARIBU”.

Il gruppo di lavoro opererà prioritariamente nel settore della manutenzione e della pulizia delle aree di verde pubblico in attività integrative del servizio di pulizia delle aree pubbliche e per attività manutentive dell’arredo urbano, con la supervisione di un “coordinatore esperto” della cooperativa e diretto dall’Ufficio Tecnico Comunale.

Articolo precedenteImperia, slitta l’apertura degli ascensori Borgo Marina-Parasio
Articolo successivoSanremo, lavori Mercato Annonario: le richieste dei commercianti a CNA