video
05:16

Il consigliere di opposizione a Vallecrosia, Fabio Perri, interviene nuovamente sul sistema di rilevamento t-red installato presso l’incrocio sull’Aurelia. Il dispositivo, che sanziona sia chi passa con il rosso sia chi supera, anche di pochi centimetri, la linea dello stop, continua a generare non pochi malumori tra gli automobilisti.

“Questo sistema, voluto dall’amministrazione comunale, con una tecnologia molto particolare che sanziona anche chi oltrepassa la linea di arresto in prossimità del semaforo, è uno strumento troppo aggressivo – dichiara Perri, raggiunto telefonicamente dai nostri microfoni. – Lo abbiamo visto dal numero delle multe notificate in questo periodo: abbiamo superato ampiamente le 2mila multe.

L’incrocio è strutturato in maniera tale da indurre gli automobilisti a oltrepassare la linea d’arresto. Il codice della strada dice che sulle intersezioni regolate mediante segnali semaforici, la linea d’arresto deve essere tracciata prima dell’attraversamento pedonale, a distanza di un metro. Invece, qui ci sono 5 metri e 30 cm prima di arrivare alle strisce pedonali, quindi è una situazione sbagliata”.

Per questi motivi, il consigliere Perri ha deciso di lanciare una petizione: “Sì, sollecitato da molti cittadini depositerò questa petizione, dove chi vorrà testimoniare il proprio disappunto a questo sistema così aggressivo, potrà partecipare alla raccolta firme.

Un’altra situazione che ho verificato – prosegue Perri – è che il cartello di preavviso deve essere ben visibile e illuminato, mentre di notte questo semaforo non si vede. È un’altra mancanza. Inoltre, per questi sistemi particolarmente avanzati del rilevamento dell’infrazione per il passaggio con il semaforo rosso, il semaforo deve avere installato un countdown. Questo non è stato ancora fatto”.

La speranza è che le sanzioni elevate finora possano essere annullate? “Sì – risponde il consigliere – mi chiedo perché questa amministrazione non applichi una sanzione unicamente nel caso in cui si transiti con il semaforo rosso. Ci sono centinaia di persone che non vogliono più passare dal centro, perché se si oltrepassa la linea d’arresto scattano 70 euro di multa e la decurtazione di due punti sulla patente. Quindi è anche un danno per gli esercizi commerciali”.

Articolo precedenteCovid: 52 nuovi positivi in provincia di Imperia, un decesso nel bollettino odierno della Liguria
Articolo successivoLa Provincia paga la fattura di ottobre alla Riviera Trasporti, 1 milione e 50mila euro per portare avanti l’attività dell’azienda in attesa della pronuncia del Tribunale