Il Comune di Vallecrosia, in linea con il proprio obiettivo di digitalizzazione e ottimizzazione dei servizi offerti al cittadino, è uno dei primi in provincia a mettere a disposizione dei suoi abitanti una piattaforma di acceso online per le certificazioni anagrafiche. Dal 2 novembre sarà disponibile, sul sito istituzionale del Comune, l’accesso ai servizi di certificazione anagrafica, senza doversi recare allo sportello dell’ufficio demografico. l cittadini, infatti, potranno accedere alla piattaforma, di facile utilizzo, tramite la propria identità digitale (SPID o carta d’identità elettronica) e potranno agevolmente prelevare le certificazioni necessarie per sè o per i componenti del proprio nucleo familiare. Il servizio è completamente gratuito, fermo restando l’assolvimento del bollo, ove previsto dalle vigenti disposizioni di legge.

L’assessore Milena Piardi commenta: ”Abbiamo implementato un servizio aggiuntivo per i cittadini, con la finalità di consentire loro di prelevare le certificazioni in modo semplice online. Un passo in avanti nel processo di digitalizzazione del nostro Comune, per fornire agli utenti servizi sempre più evoluti e che vadano in contro alle loro esigenze. Le certificazioni online, infatti, si vanno ad aggiungere ai servizi su appuntamento relativi alla possibilità per i cittadini di predisporre un testamento biologico ed alla volontà di donare gli organi. Due servizi importanti, messi a disposizione della popolazione, che come assessore ho fortemente voluto perché sono indice di civiltà. Un ringraziamento ai dipendenti comunali, sempre pronti ad accogliere le innovazioni”. 

Dal sito istituzionale del Comune http://www.comune.vallecrosia.im.it cercare su “Servizi in evidenza” il tasto “ANAGRAFE ONLINE” servizio per le certificazioni anagrafiche (oppure digitare il link vallecrosia.comune-online.it/web/servizi-demografici) e seguire le istruzioni dettate dalla piattaforma.

Articolo precedenteSanremo, pesca del gambero viola e parcheggi di via Anselmi: discusse ieri le interpellanze del consigliere Luca Lombardi (FdI)
Articolo successivoBordighera, richieste di rimborso per ingressi non utilizzati alla piscina del Palasport: fissato il termine al 15 novembre