La Magistratura di Imperia ha messo l’area, dove si è sviluppato l’incendio della Recup-Fer la notte tra martedì e mercoledì, sotto sequestro probatorio. Prosegue, così, l‘indagine affidata al sostituto procuratore Marco Zocco, che deve far luce su quello che è accaduto e se l’incendio sia stato di origine dolosa oppure no.

Intanto continua il lavoro da parte delle forze dell’ordine che hanno controllato le telecamere vicino alla zona dell’incendio. Dalle immagini analizzate dagli inquirenti si vede come l’innesco, che ha poi distrutto il capannone della Recup-Fer, in Valle Armea, sia partito lentamente.

La Provincia di Imperia da il nulla osta all’azienda per riprendere l’attività lavorativa in un’aerea già di proprietà dell’azienda con la soddisfazione e la gratitudine sia dei proprietari che dei dipendenti.

Intanto è ancor attiva l’ordinanza del Comune di Sanremo, per la sicurezza di chi vive nell’area circostante, che vieta nel raggio di 200 metri, l’utilizzo di acqua di pozzo, il divieto di raccogliere frutta e verdura e i il consigli di limitare l’utilizzo dell’acqua nelle vasche coperte.