marco scajola

Un piano di riqualificazione ed efficientamento energetico di 10.000 alloggi di edilizia residenziale pubblica della Liguria, grazie alle opportunità offerte dal bonus 110%. Un lavoro ambizioso, che sta richiedendo un impegno importante da parte della Regione e dalle quattro Agenzie regionali territoriali per l’edilizia, che ha previsto una serie di passaggi tecnico-burocratici affinché fosse possibile da parte degli Enti di usufruire del bonus. Un progetto che potrà movimentare oltre 400 milioni di euro per garantire agli utenti edifici riqualificati e un efficientamento energetico, che si tradurrà in un risparmio sui consumi delle abitazioni ed un miglior comfort abitativo.

Nella provincia di Imperia saranno circa 500 gli alloggi coinvolti nel progetto, distribuiti sul territorio, per i quali sono previsti interventi che riguardano prevalentemente la sostituzione degli infissi, la posa del cappotto termico esterno e, dove presente, la bonifica dell’amianto. L’importo massimo per gli interventi previsti è stimato in 15 milioni di euro. ARTE Imperia ha già completato un’indagine preliminare sul 90% degli edifici che intende efficientare. Parte del patrimonio, infatti, era già stato interessato da interventi di recupero attuati anche grazie a fondi destinati da Regione Liguria. Gli accertamenti effettuati sinora hanno dato, in buona parte, esito positivo; attualmente si sta ultimando la mappatura del patrimonio di ARTE Imperia, procedendo contestualmente con la verifica della regolarità urbanistica edilizia. Terminato tale procedimento si attueranno le procedure di affidamento degli interventi, attraverso l’opzione del partenariato pubblico/privato, a seguito di manifestazione di interesse di privati e/o tramite l’indizione di una gara d’appalto.

“Come Regione abbiamo voluto usufruire dell’opportunitĂ  del Bonus 110% per realizzare interventi di efficientamento energetico e di adeguamento sismico su immobili di edilizia residenziale pubblica. Per poterlo applicare agli immobili delle ARTE abbiamo svolto un lavoro in sinergia tra Enti per individuare la corretta procedura in grado sia di garantire il beneficio dell’incentivo statale, sia di usufruire di tutta l’IVA a credito sulle operazioni di ristrutturazione”, afferma l’assessore regionale all’Edilizia Marco Scajola, che prosegue: “Dopo uno studio approfondito abbiamo stabilito di avvalerci del partenariato pubblico e privato. Grazie a queste opere ben 10.000 alloggi di edilizia residenziale pubblica saranno oggetto di efficientemento energetico ed adeguamento sismico, il che consentirĂ , da una parte di avere un patrimonio immobiliare piĂą efficiente, rispettoso dell’ambiente e sicuro, dall’altra di poter garantire alloggi piĂą confortevoli e con minori costi di gestione a soggetti con un reddito minimo, per i quali una diminuzione delle utenze è significativa. Rispetto dell’ambiente e tutela delle fasce piĂą deboli della popolazione: due principi che hanno ispirato Regione Liguria anche in questo frangente. Attualmente in Provincia di Imperia sono coinvolti 500 alloggi diffusi sul territorio, la mappatura degli immobili di ARTE è in atto, per cui il numero di unitĂ  abitative su cui intervenire potrĂ  ancora aumentare”.

Articolo precedenteVentimiglia, residenti del quartiere Asse-Logge contro l’apertura della nuova Coop di via Cabagni: depositata petizione in Comune
Articolo successivoPattinaggio artistico, quinto posto per il quartetto ‘The Rebirth’ ai Campionati Europei di Lleida