video
04:48

Ha preso il via il 20 novembre e continuerà fino al 28 del mese il percorso azzurro organizzato dalla LILT per la prevenzione dei tumori all’apparato riproduttivo maschile con screening gratuiti.

Dopo il mese rosa per la prevenzione femminile, arriva il mese azzurro, per incentivare la conoscenza dei tumori urogenitali maschili poco conosciuti, che meritano attenzione, come racconta il professor Claudio Battaglia presidente della LILT Sanremo-Imperia: “L’attenzione è stata portata su questa malattia solo negli ultimi 15-20 anni e la prevenzione come sempre è stata fondamentale; parliamo di una patologia che colpiva i nostri ‘vecchi’ dopo i 60 anni, mentre oggi il rischio è già dopo i 45 anni con forme più aggressive dovute alla giovane età”.

Non solo tumore alla prostata, ma anche al testicolo che può colpire fasce molto giovani della popolazione: “Parliamo di una patologia davvero poco conosciuta – continua il professor Battaglia – ma che ha un’incidenza importante e si manifesta ad un’età tra i 16 e 30 anni, ma di facile diagnosi e che si può risolvere in maniera risolutiva senza creare problematiche”.

È importante sottolineare che questa è la settimana di lancio, ma è sempre possibile una volta a settimana trovare un urologo per le visite. La LILT sta lavorando anche per andare direttamente in alcuni centri dell’entroterra per visite diagnostiche ed avvicinarsi alla popolazione.

Per chi fosse interessato le visite si svolgono nella sede LILT di corso Mombello 49 a Sanremo, per prenotazioni telefonare al 0184 1951700.

Articolo precedenteCovid: 412 nuovi casi positivi in Liguria, due decessi
Articolo successivoCovid, Toti: “16 ricoverati in terapia intensiva su 18 sono non vaccinati. Numeri che parlano da soli. Crescono prime e terze dosi di vaccino somministrate”