video
09:32

Il vice-sindaco di Diano Marina con delega ai Lavori pubblici Cristiano Za Garibaldi ha affrontato diversi argomenti nel corso dell’intervista di oggi nei nostri studi.

“La città è pronta per festeggiare il Natale e l’anno nuovo – esordisce – abbiamo acceso l’albero e le luminarie, abbiamo inaugurato la pista sul ghiaccio, il concerto dei Matia Bazar, insomma adesso aspettiamo i turisti che devono arrivare per festeggiare con noi”.

A proposito di turismo, i dati di ottobre indicano che anche Diano Marina ha incrementato sia gli arrivi che le presenze, pur partendo da numeri già molto molto alti. “Non possiamo nascondere la nostra soddisfazione, noi che siamo già fieri dei nostri 900mila e oltre turisti su base annua che ci tengono saldamente in vetta a livello provinciale. Non dormiamo sugli allori però, sappiamo che dobbiamo sempre tenere alta la soglia della qualità per confermare e aumentare la quantità”.

“In quest’ottica abbiamo messo in cantiere lavori per quasi 5 milioni di euro, una cifra molto importante per un comune come il nostro, ma abbiamo progetti ambiziosi che riguardano in particolare ciclabilità urbana e mobilità sostenibile. Moltissimi nostri turisti arrivano dal Nord Europa dove sono stati pionieri in tal senso. Loro sono abituati all’affitto delle bici, ad avere piste e percorsi ciclabili urbani, punti di ricarica elettrica e anche al rispetto e all’attenzione nei confronti dei ciclisti i quali a loro volta rispettano sempre le regole. Dobbiamo ancora fare molto in tal senso, educazione e rispetto sulla strada, ma noi ci siamo e vogliamo entrare a far parte dell’associazione ‘Comuni ciclabili’”.

Come vede Diano Marina tra due anni? “Già entro la fine del 2020 andranno a completamento due progetti importanti: la riqualificazione del sedime ferroviario intorno alla vecchia stazione e la passeggiata a mare nella zona di ponente. Poi vorremmo riprenderci la Bandiera Blu. Mercoledì 18 dicembre presentiamo la nostra candidatura ufficiale dopo aver atteso per tanti anni il collegamento al depuratore, parametro indispensabile per ottenerla”. “Ma ripeto – conclude Za Garibaldi – la nostra scommessa principale è diventare il centro di riferimento della nostra Riviera per l’attività cicloturistica. Tra pochi anni arriveremo ad avere tra i 4 e 5 km di ciclabilità nel nostro territorio comunale, iniziando dai primi 1500 metri che avremo disponibili tra alcuni mesi”.