primo piano - gianni berrino su turismo

Settore fortemente in crisi, a seguito della pandemia Covid-19, è senza ombra di dubbio quello turistico.

Nei primi 8 mesi del 2020 la provincia di Imperia sfiora un pesante -50% di presenze rispetto lo scorso anno. Stando ai dati ufficiali dell’Osservatorio Turistico di Regione Liguria da gennaio ad agosto le presenze totali in provincia di Imperia sono calate del 45% rispetto al 2019, calo che sale appunto al 50% in alcune località come Sanremo.

A pesare fortemente, oltre all’ovvio periodo di lockdown, anche la cancellazione di eventi, la situazione nel resto d’Europa e ora la chiusura di alcune regioni.

Nel nuovo e recente dpcm gli alberghi non sono neanche menzionati. Una mancanza lamentata dagli addetti al settore. Possibile rimanere aperti, ma di fatto le camere rimangono vuote.

A tutto questo si aggiungono le difficoltà di agenzie turistiche, guide, e di tutto un comparto che coinvolge migliaia di persone.

Ne parliamo oggi con l’assessore al turismo di Regione Liguria, Gianni Berrino, nella video intervista visibile a inizio articolo.

“Questa è l’immagine del sistema turistico italiano che è stato completamente dimenticato dal governo italiano,” commenta.

“Gli aiuti si sono dimostrati altamente insufficienti quando non presenti. È inutile dire che gli alberghi possono rimanere aperti quando non è garantita la libertà normale di movimento. La salute ha sicuramente la priorità. Se vengono attuate chiusure o comunque limitazioni devono esserci i ristori. Se è giusto tenere a bada il virus è giusto che queste migliaia di imprenditori con milioni di dipendenti non vengano penalizzati.”

Articolo precedenteConfcommercio Professioni, il 12 novembre incontro online per guardare al futuro dei lavoratori autonomi
Articolo successivoClassifica di Legambiente, Imperia sale al 49° posto tra i capoluoghi di provincia: l’anno scorso era 90esima