triora

Dopo circa due anni di lavoro, finalmente arriva l’ufficialitĂ : Triora è entrata nel prestigioso Circuito ‘Villaggi degli Alpinisti’ (Bergsteigerdorfer). Una grandissima notizia per il borgo del nostro entroterra che viene a far parte di un circolo prestigioso dopo aver superato numerose prove di valutazione. Il numero dei Villaggi degli Alpinisti sale così a 35: 22 in Austria, 4 in Germania, 5 in Italia (di cui 2 in Alto Adige – SĂĽdtirol), 2 in Slovenia e 2 in Svizzera.

Il sindaco Massimo Di Fazio commenta così il risultato: “Dal giorno 6 di marzo possiamo dire che Triora è ufficialmente ammessa a questo importante Circuito, per noi è un onore e un impegno che assumiamo con responsabilitĂ . Siamo l’unico comune Ligure e uno dei pochi al difuori dalla zona Trentino Slovenia e Austria. La Candidatura è stata proposta e sostenuta oltre che dall’Amministrazione Comunale ,anche dal Cai, ringraziamo nello specifico chi ha creduto sin da subito, che Triora potesse raggiungere questo importante riconoscimento, il Dott. Giancarlo Colucci, il Dott. Bruno Parodi e Dott. Davide Oddo che insieme al vicesindaco Giovanni Nicosia si sono impegnati nel formalizzare e sostenere la candidatura”.

“Una procedura seria e complicata – commenta il vicesindaco Giovanni Nicosia che ha seguito l’iter passo passo – con criteri importanti per la tutela e lo sviluppo di un territorio montano meraviglioso, arricchito nel caso di Triora dall’unicitĂ  di essere un “Paese Alpino con vista Mare”. Ricordiamo che Triora fa parte del Parco Naturale delle Alpi Liguri, con un territorio che arriva alle pendici del Monte Saccarello, che con i suoi 2.201 mt è la vetta piĂą alta della Liguria.

L’entrata in un circuito come i Villaggi degli Alpinisti avrĂ  sicuramente una ricaduta positiva sul turismo, che mai come in questi ultimi anni ha riscoperto la vocazione naturalistica basata sulla sostenibilitĂ , rispetto e cultura del territorio. Un’altra nota positiva sono le relazioni e confronti tra Comuni e villaggi con caratteristiche e obbiettivi simili. Insomma un circuito, in cui il fatto dell’essere stati ammessi, responsabilizza e impegna i villaggi a intraprendere e proseguire il giusto sentiero”.

Il valore aggiunto per i paesi che entrano nella rete dei Villaggi degli Alpinisti non è soltanto l’aumento di visibilitĂ  dato dal presentarsi come destinazione di montagna a un pubblico di oltre 2,5 milioni di iscritti alle associazioni alpinistiche. Sono anche e soprattutto incoraggiati a orientarsi sempre piĂą verso un turismo sostenibile, con conseguenti effetti positivi sull’agricoltura, sugli esercizi commerciali, sul traffico e sullo sviluppo delle comunitĂ  locali. All’interno della rete internazionale dei Villaggi degli Alpinisti vi è infatti un confronto costante su quali strategie i paesi e le regioni possano mettere in pratica per il futuro.

Un altro grande riconoscimento per la bellezza della valle Argentina.

Articolo precedenteBaristi e ristoratori in piazza per chiedere certezze sulle riaperture, Calvi (Fipe): “Puntiamo a ripartire a pieno regime nel mese di maggio”
Articolo successivoSanremo, il cordoglio dell’amministrazione comunale per la scomparsa della signora Antonietta Rubino