È stata disposta la misura cautelare ai domiciliari nei confronti del sindaco di Triora, Massimo Di Fazio, che questa mattina è stato arrestato dalla Polizia Postale in collaborazione con i Carabinieri forestali.

L’indagine a suo carico non riguarderebbe in alcun modo la sua attività amministrativa. Si tratterebbe, infatti, di una questione privata legata all’attività venatoria. Stando alle prime informazioni sarebbe infatti accusato di bracconaggio e porto abusivo di armi da fuoco.

A difendere Di Fazio sono gli avvocati Simona Bertoldo e Alessandro Moroni. L’indagine è partita dal procuratore capo di Imperia, Alberto Lari, ed è nelle mani del Pubblico Ministero, Luca Scorza Azzarà.

Nella mattinata di oggi sono svolte alcune perquisizioni nel palazzo civico.

La vicenda ha scosso la comunità di Triora, ma l’attività amministrativa e degli uffici comunali prosegue senza creare disagi ai cittadini.