regione liguria
Credit: Davide Papalini (via wikimedia) - CC BY-SA 3.0

Il nuovo partito “Cambiamo!”, fondato circa un anno fa dal Presidente della Giunta Regionale ligure Giovanni Toti, stenta a decollare. Nei sondaggi è accreditato a poco più dell’1% a livello nazionale.

Con una mossa tattica degna del miglior “Fregoli” il Presidente Toti avrebbe voluto sostituire il Cavaliere Berlusconi e sedersi al tavolo del centrodestra, ma le cose non sono andate come sperato. Forza Italia non solo non è finita, ma è ormai stabilmente alleata di Lega e Fratelli d’Italia e si spartisce bellamente le candidature a Presidente delle Regioni in scadenza elettorale.

Il Presidente Toti è anche lui in discussione? E ai suoi frettolosi seguaci quale sorte toccherà?

Marco Scajola, Angelo Vaccarezza e Lilli Lauro che hanno abbandonato FI per aderire a “Cambiamo!” con voti politici di lista così risicati, saranno riconfermati dagli elettori?

Più di uno sarebbe pronto a scommettere che se potessero tornare indietro lo farebbero volentieri. La conferma del cattivo stato di salute del nuovo partito totiano lo si è visto nel rinvio della convention di fondazione a data da destinarsi e di cui non si sa più nulla.

Non solo. La scarsa capacità di attrazione della classe dirigente futura di un partito appena nato è apparsa evidente recentemente, dove molti sindaci e quadri intermedi hanno preferito andare ai pranzi dell’ex ministro Scajola piuttosto che agli aperitivi di auguri del Presidente Toti.

I segnali sono inquietanti. Chissà se il centrodestra, alla fine, prendendo alla lettera il nuovo partito “Cambiamo!” non ne applicherà l’auspicio con un nuovo candidato Presidente?

Articolo precedenteDomani al Casinò di Sanremo Vinicio Marchioni e Giuseppe Zeno presentano “I soliti Ignoti” di Mario Monicelli
Articolo successivoDolceacqua, concorso “Presepiando”: premiati i vincitori