video

Sabato 20 marzo. Questa la data della Milano-Sanremo 2021 che torna Classicissima a tutti gli effetti e anche, o quasi, ‘…di primavera’. Il percorso sarà quello celebre, escluso il Turchino che sarà sostituito dal colle del Giovo, e la data sicuramente più in stagione rispetto all’edizione estiva del 2020. Niente bis in valle Arroscia e Impero dove un po’, di ritrovarsi in mano l’affascinante gara ciclistica seguita in tutto il mondo, ci avevano sperato tutti.

Di questo e in generale di quanto questo evento sportivo rappresenti una vetrina unica per la nostra provincia ne abbiamo parlato con il presidente Domenico Abbo.

“Parliamo di manifestazioni che sono l’ossatura di tutta l’attività turistica di un anno della città di Sanremo, ma anche della provincia di Imperia – esordisce. Nel caso della Milano-Sanremo è certamente così perché sappiamo che attraversa buona parte del nostro territorio. Nel 2020 ha avuto un percorso diverso, che ha avuto notevole successo, è chiaro che non si può riproporre, ma un po’di rimpianto resta per questa novità che c’è stata e ha funzionato molto bene. Non ci potrà essere il pubblico, in questo momento è giusto così, ma l’importante è che ci sia l’evento perché diffondiamo Sanremo e la nostra provincia nel mondo“.

Sui lavori di manutenzione necessari allo svolgimento della corsa il presidente dice: “Il ritorno al percorso classico non ci pone particolari problemi. Quest’anno ci limiteremo a fare una pulizia di fondo sul Cipressa e a Civezza con taglio delle fronde in modo che la strada sia percorribile in sicurezza”.

Abbo torna poi su valle Impero e Arroscia aprendo alla possibilità, visto il successo ottenuto nel 2020 con la Milano-Sanremo, di tentare di portare una nuova gara ciclistica su questo territorio, magari una tappa del Giro d’Italia: “Un’ipotesi potrebbe essere quella – ammette. La strada si presta, bisognerebbe lavorarci ad alti livelli. Qualche anno fa abbiamo avuto una sorta di overdose con diverse tappe in Liguria, poi il Giro d’Italia non è più tornato. Potrebbe essere questa un’occasione per ripresentarlo”.

L’intervista completa a Domenico Abbo nel videoservizio di Riviera Time.

Articolo precedenteCia: al via “Dal Campo alla Tavola” primo e-commerce degli agricoltori, con il sostegno di J.P. Morgan
Articolo successivoRiva Ligure: una nuova facciata per la parrocchia di San Maurizio