video
03:35

Dopo l’annullamento dell’edizione 2020 causa Covid, torna quest’anno il Festival Chitarristico Internazionale Città di Sanremo organizzato dal chitarrista Diego Campagna.

Il Festival Chitarristico di quest’anno si svolgerà nell’arco di tre appuntamenti ospitati come sempre nel Teatro dell’Opera del Casinò, a partire da domenica 14 novembre alle ore 17 con Roberto Fabbri e Vito Nicola Paradiso. Gli altri due concerti si terranno alle ore 21: venerdì 19 con Andrea De Vitis e Giulio Tampalini, sabato 20 con ‘Solo Duo’ (Lorenzo Micheli e Matteo Mela) e con lo stesso Diego Campagna affiancato dalla violinista russa Olesya Rusina.

Il Teatro del Casinò, tornato ad ospitare al massimo della sua capienza di circa 400 posti, sarà accessibile con ingresso gratuito per tutti quelli che si presenteranno all’entrata sino ad esaurimento posti, senza necessità di prenotazione ma con mascherina sempre indossata e soprattutto con il green pass.

“Tutti noi artisti usciamo da un periodo tragico e non è un termine eccessivo – dice Diego Campagna – e il nostro settore non è ancora ripartito del tutto. Poter tornare ad organizzare questo importante Festival chitarristico è un segnale di grande speranza. Non posso che ringraziare tutti quelli che si sono adoperati per aiutarmi a organizzare questa edizione che forzatamente sarà ridotta rispetto al passato anche a causa delle restrizioni ancora presenti in molte nazioni”.

“Il livello artistico sarà comunque molto elevato grazie alla presenza di alcuni tra i migliori chitarristi italiani. Saranno tutti e tre dei doppi concerti della durata complessiva di un’ora e mezza al massimo. Sabato 20 novembre, serata finale, da organizzatore mi trasformerò in musicista suonando in duo con una talentuosa violinista russa che vive in Italia”.

Diego Campagna ha presentato il suo festival affiancato dal vicesindaco Costanza Pireri e dagli assessori Silvana Ormea e Giuseppe Faraldi.

“Questa è una delle ciliegie sulla torta di questa parte finale dell’anno – dice l’assessore al Turismo Faraldi – dal Festival nell’Ariston vuoto in poi abbiamo organizzato tutta una lunga serie di eventi musicali con uno sforzo non indifferente. Essere riusciti ad organizzare anche questo evento dopo un anno di stop è un segnale importante per un settore che ha vissuto enormi difficoltà. Questo è un appuntamento di nicchia nel senso che è una eccellenza nel suo campo ed è ormai riconosciuta a livello internazionale. Giusto quindi che l’Amministrazione comunale abbia dato il suo aiuto per un evento che porta in giro per il mondo il nome della nostra città”.

Articolo precedenteIl futuro di Rt appeso a un filo. Rinvio per il vertice in Prefettura, sul tavolo la possibilità di sbloccare i fondi della Provincia
Articolo successivoToti benedice la disponibilità di Scajola come presidente della Provincia: “Molto positivo”