Dopo oltre un anno di fermo, a giorni riprenderanno i lavori del tanto discusso outlet di lusso The Mall, in Valle Armea a Sanremo.

Ora che le gru ripartiranno, in città si torna a parlare dell’outlet che da sempre divide Sanremo tra favorevoli e contrari.

I timori sono chiari: non reggere la concorrenza dell’outlet rischiando la desertificazione del centro. C’è, invece, chi vede nel The Mall un’opportunità per rilanciare il commercio e il turismo con conseguenze positive per l’intera città.

Tra favorevoli e contrari c’è però un punto d’incontro: una volta aperto, il tessuto commerciale dovrà rapportarsi con l’outlet per cercare sinergie favorevoli ad entrambi.

The Mall è ormai una realtà e secondo i ben informati dovrebbe aprire (almeno in parte) entro Natale 2018.

Un investimento importante e che da tempo non si vedeva in città. Una nuova sfida che potrebbe portare opportunità turistiche, commerciali e lavorative. Sanremo, e tutto il tessuto economico del centro, saranno in grado di cogliere questa chance, collaborando, accogliendo la concorrenza positiva e cogliendo l’opportunità per rendere l’offerta sempre più piacevole e di qualità?

Le associazioni di categoria stanno lavorando da tempo perché possano trovarsi queste sinergie e, secondo alcune indiscrezioni, proprio in questi giorni il gruppo Kering presenterà agli addetti ai lavori una strategia generale di marketing per rilanciare le promuovere l’intera città di Sanremo accostandola al marchio The Mall.

I presupposti ci sono e le possibilità anche. L’importante è non farsi prendere dal mugugno imperante che non ha mai portato a nulla.

Ne abbiamo parlato con i commercianti e i ristoratori del centro, il presidente cittadino di Confcommercio, Andrea Di Baldassare, il presidente cittadino di Federalberghi, Silvio Di Michele e l’imprenditore Walter Vacchino, patron del Teatro Ariston.