La Francia ritira l’ambasciatore in Italia in protesta contro il Governo, il sindaco di Imperia Scajola apre le polemiche proiettando la bandiera francese sul palazzo comunale, controlli e blocchi in frontiera a Ventimiglia.

I rapporti tra i due Paesi confinanti sembrano alle strette e le conseguenze potrebbero essere decisamente negative. Oggi interviene il sindaco di Ventimiglia Enrico Ioculano che, quotidianamente, vive in prima persona queste dinamiche.

“Invito tutti ad abbassare i toni. Soprattutto a chi ha ruoli istituzionali importanti,” commenta.

“È un Paese vicino – continua – con cui ci sono da sempre rapporti di lavoro, culturali, storici. Magari non sempre le cose vanno come ci si aspetta, ci sono stati atteggiamenti che non abbiamo gradito, ma dobbiamo tornare ad un rapporto disteso e opportuno.”

Il sindaco cita nell’intervista l’esempio della linea ferroviaria Cuneo-Ventimiglia che in parte passa proprio su territorio francese. “In casi come questi è evidente come dobbiamo rapportarci nel miglior modo possibile con la vicina Francia. Dobbiamo cooperare per tornare ad avere assetti viari che siano utilizzabili e fruibili da parte di tutti,” spiega.

Ioculano lancia poi una frecciata riferendosi chiaramente alle dichiarazioni dell’onorevole Di Muro e di alcuni esponenti politici locali, fortemente critici nei confronti delle autorità francesi: “Capisco benissimo che c’è la campagna elettorale. Facciamola però su altri temi.”