fabio fognini

Nel giro di poche ore finisce l’avventura di Fognini e Mager nel torneo Atp250 di Marbella. Due sconfitte senza recriminazioni e maturate contro avversari di ben diversa caratura: il sanremese contro Casper Ruud norvegese n.26 al mondo e terza testa di serie del torneo, l’armese testa di serie n.2 contro lo spagnolo Jaume Munar n.95 Atp e appena sconfitto da Mager nella finale del Challenger giocato sugli stessi campi della località turistica spagnola.

Fabio n.18 del ranking mondiale è apparso sin da subito in una delle sue giornate-no, impressione confermata con i due break subiti in partenza e diventati tre dopo una fiammata dell’azzurro che gli è valsa un contro-break fine a sé stesso. Stesse difficoltà si sono palesate nel secondo set dove allo spagnolo Munar sono bastati due break, dopo aver sprecato altre chance, per chiudere la sfida con un pesante ed eccessivamente severo 6/2 6/1 in 1h24’ di gioco.

Ha fatto due game in più ma ha perso più rapidamente Gianluca Mager (n.91 Atp) rispetto all’amico ‘Fogna’. Pur non giocando un brutto tennis a conferma del buon periodo di forma che sta attraversando, il testimonial del CT Sanremo si è trovato di fronte un avversario in palla, solido e oggi troppo forte per lui. Implacabile sui propri turni di servizio, Ruud si è dimostrato pronto ad una grande stagione sui campi europei e Gianluca ha avuto il merito di giocarsela sino in fondo riuscendo anche ad ottenere punti di grande bellezza che però non sono bastati ad evitargli l’eliminazione con lo score di 6/3 6/2 in 1h10’.

Articolo precedenteCovid e campagna vaccini: il punto con il dottor Luigi Muscio
Articolo successivoCovid: 13 vittime e 387 nuovi postivi in Liguria