[beevideoplayersingle adstype=”video-ads” videourl=”https://vimeo.com/205020327″ videoadsurl=”https://vimeo.com/224092271″ adsurl=”https://www.sialpieve.com/”]Tecnologia e sanità formano un connubio sempre più stretto, con gli sviluppi della prima che avvantaggiano la seconda. È indubbio, infatti, che l’informatica abbia apportato grandi benefici al settore, sia in termini di evoluzione scientifica che di efficienza amministrativa.

L’ultimo passo di questo connubio è il fascicolo sanitario elettronico, voluto a livello regionale e adottato naturalmente anche dall’Asl 1 Imperiese.

Per i cittadini imperiese si tratta di una piccola rivoluzione nella gestione delle informazioni della propria storia di salute. Si tratta, infatti, di uno strumento che raccoglie sul web i documenti e le informazioni sanitarie di chi lo attiva, racchiudendo così in un contenitore on line tutta la sua “storia” clinica.

Come effetto collaterale positivo, il fascicolo sanitario elettronico dovrebbe permettere di razionalizzare le spese dell’Asl e di ridurre i tempi delle liste d’attesa.

Riviera Time ha discusso di questo importante passo in avanti, e degli sviluppi che potrà avere, con il direttore generale dell’Asl 1 Imperiese, Marco Damonte Prioli.

Articolo precedente1991 – Costruzione parcheggio Via Volta
Articolo successivoSan Maurizio Martire, simbolo della fede dei rivesi