teatro

La stagione teatrale di ACT – ArtiColazioniTeatro per L’Arte Nutriente, diretta dall’attrice Amanda Fagiani, venerdì 22 marzo al Teatro Salvini di Pieve di Teco e sabato 23 marzo alla Sala Beckett – Teatro dell’Albero a San Lorenzo al Mare presenterà l’ultimo spettacolo di questa stagione 2019.

Con IL PICCIONE GIOVANNI LIVIGNO, si chiude tutta la rassegna che quest’anno ha presentato ben 12 appuntamenti a teatro (6 spettacoli portati in scena per 2 sere di fila) e 3 eventi formativi (invece organizzati da Associazione Genitori Attivi).

“Tre mesi di duro lavoro e tanta soddisfazione!”

In questa stagione, un migliaio di persone hanno assistito agli spettacoli teatrali, fin’ora. E grande partecipazione ed entusiasmo vi è stata anche per i tre eventi formativi.

Si chiuderà in grande stile, con Roberto Anglisani, Maestro del Teatro di Narrazione conosciuto a livello Nazionale:

IL PICCIONE GIOVANNI LIVIGNO

Ispirato al romanzo cult dell’adolescenza, il gabbiano Jonathan Livingston di Richard Bach, Giovanni Livigno è un racconto emozionante di Roberto Anglisani che, con maestria narrativa e attraverso una storia che è una grande metafora esistenziale, ci porta a “volare”.

Venerdì 22 marzo Teatro Salvini di Pieve di Teco
Sabato 23 marzo Sala Beckett – Teatro dell’Albero di San Lorenzo al Mare.

Ore 21.00

Per prenotazioni e info: +39 346 3748586

Giovanni Livigno è un piccione nato in un quartiere di periferia di una grande città, il suo cuore batte al ritmo del quartiere: quattro giorni senza storia, poi il venerdì del mercato, il sabato della trasgressione e la domenica del riposo.

Arriva per Giovanni quel momento della vita in cui il gruppo è tutto e la vita del gruppo ha le sue regole e i suoi ritmi. Si fa casino, si passa il tempo, ma non si sfugge ugualmente alla noia e la vita sembra che ti scivoli via tra le zampe. Allora bisogna cercare sempre qualcosa di nuovo, di diverso, di pericoloso, sentire un brivido e smetterla di restare a guardare!

Il gruppo di piccioni tenta la sortita in piazza Duomo ed è scontro duro. Poi resta una sfida più terribile, più rischiosa… Passata quella soglia, c’è solo il grande buio dentro e fuori.
Alla discarica, no man’s land della città, terra d’elezione di reietti e di diversi, Giovanni Livigno incontra un maestro…

“…è solo vincendo la paura che si può andare incontro al proprio destino”.

Articolo precedenteSanremo, l’11 aprile la “Giornata del Mare” per diffondere la cultura del mare e tutelarlo
Articolo successivoCamporosso, questa sera il Don Bosco Vallecrosia Intemelia contro lo Spezia