video

Taglio del nastro questa mattina per l’edizione 2021 di Meditaggiasca & Expo Valle Argentina Armea, nella splendida cornice del centro storico di Taggia in via Soleri e piazza Cavour.

Dopo un anno di stop dovuto alla pandemia, torna la grande manifestazione dedicata ai prodotti tipici del territorio con vendita, degustazioni, incontri a tema e un vero e proprio racconto per promuovere e valorizzare le eccellenze ma anche la loro provenienza, quindi le valli Argentina e Armea con i borghi, la storia, gli splendidi paesaggi, l’arte e i tesori nascosti. Tanti i prodotti in vetrina: canestrelli, biscotti, conserve, pane, vino Moscatello, oltre, ovviamente, all’oliva taggiasca, vera protagonista dell’evento.

Oltre a Taggia, coinvolti nella manifestazione anche i Comuni di Badalucco, Bajardo, Castellaro, Ceriana, Molini di Triora, Montalto Carpasio, Pompeiana, Terzorio e Triora.

“La giornata di oggi è il segnale chiarissimo di una ripartenza, soprattutto dell’economia – dichiara il sindaco di Taggia Mario Conio. – Questa è una terra che di olio è sempre vissuta, oggi le famiglie che un tempo erano produttori per se stessi sono diventati eccellenti commercianti, con tanto studio e tanta fatica alle spalle. Si è fatto tanto sforzo nel percorso di crescita e questo è il risultato: una via piena di tante eccellenze, dove si presentano olio e vino di alta qualitĂ  e tutto il bello che questa terra può presentare”.

L’evento è organizzato dal Comune di Taggia, assessorato al Commercio, e dall’Azienda Speciale della Camera di Commercio Riviere di Liguria, con il patrocinio di Anci e Borghi più Belli d’Italia.

Nel servizio di Riviera Time le interviste al sindaco di Taggia, Mario Conio, alla Consigliera comunale (e regionale) Chiara Cerri, al presidente della Camera di Commercio Riviere di Liguria, Enrico Lupi, al vicepresidente di Regione Liguria, Alessandro Piana, agli assessori regionali Gianni Berrino e Marco Scajola, alla Consigliera regionale Veronica Russo.

Articolo precedenteTurismo, in arrivo prenotazioni nei weekend di ottobre. Feliciotto: “La cittĂ  deve essere piĂą vivibile anche con i grandi flussi turistici”
Articolo successivoLucinasco, laghetto Santo Stefano: conclusa la pulizia e il ripristino ambientale. Recuperate 6 tartarughe azzannatrici